Foto varie col cellulare

il 23/03/2016 · Comments Off on Foto varie col cellulare

Fine marzo 2016, con questo e dopo qualche interruzione concludo i racconti del 2015, quando grazie ad un nuovo smartphone che ha sostituito un vecchissimo ed ancora funzionante Nokia 3510 ho avuto sempre una fotocamera a disposizione, prendendo alcune scene piuttosto belle che normalmente mi sarei perso.
Intanto segnatevi questa data: sabato 28/05, 8° giro del Tortonese!

Cielo rosa al tramonto, la fine di una delle tante giornate trascorse tra ufficio e due ruote
20150917_193258
Dalla prima collina del tortonese osservo le lontane piogge20150919_183653
Altro intenso tramonto dalle colline tortonesi

20151007_184259
21 ottobre ed una nebbia mattutina tipica dell’inverso che si condensa sui miei peli poco ciclistici
20151021_084844

Vignola e le pareti di Oramala, le Dolomiti ad noater
20151108_102801

Acqua di mare e spiaggia sassosa in Liguria. Posso quasi chiamarlo bagno
20151114_142355

Un caldissimo inverno mi permette giri in montagna, in questo comune della alta val Curone che si eleva a principato

20151208_151746
In pianura c’è un fitto strato di nebbia, sopra i 400m un bellissimo gioco di luci
20151208_162403

Ancora nebbia in basso e caldo anche sui 1460m del monte Penice. Ed è S.Stefano!
20151226_160825

Questo cappuccio da puffo è ottimo per coprirsi e finire questo 2015
20151231_132046

Il calendario dello scalatore 2016

il 13/12/2015 · Comments Off on Il calendario dello scalatore 2016

Usciti i risultati, ci sono tre fotografie nettamente più votate e poi altre in una classifica molto corta, non è stato facile capire quali delle cinque a 7 punti sarebbero entrate.

Però anche per il 2016 avremo il nostro calendario dello scalatore, uscito da 101 fotografie votate da 18 persone. Lo trovate qui pronto da essere stampato: Calendario scalatore

copertina

Ricordo i metodi di selezione:
– Sicuramente una e al massimo due foto per le categorie autunno ed inverno
– Massimo 3 foto per autore (quindi esclusa la 4° di Emiliano
– In caso di parità prediligo quelle che hanno ricevuto più nomine (praticamente 3 voti valgono più di un primo posto)
– Due posti rimasti su 5 foto, le prime due sono quelle nominate 6 volte

22: Fuorcla Surlej di Emiliano
15: Il primo sole del mattino di Grigua
12: Cervinia di ValerioNeg
10: Colle del Lys di Emiliano
10: Cosa vuoi di più dalla vita? di Francesco Capra
10: Colle di Malatrà di Emiliano
9: Condivisione di MirkoBL
8: Orizzonte d’autunno di Fricius (cat. autunno)
8: Praglia di Pirata Pontex (cat. inverno)
8: Al limite estremo di Fricius
7: Dalle Alpi alla piramide del Lesima di Pedra (cat. autunno) [6n 2°]
7: Colle delle Finestre di ValerioNeg [6n 3°]

7: Le colline come isole di Pedra [5n 1°]
7: Natura a riposo di MirkoBL (cat. inverno) [5n 2° 3°]
7! Rifugio Miserin di Emiliano (4° Emiliano)

6: In contemplazione di MirkoBL
6: Col de Tende di Adriano
6: in autunno la strada è più che altro una traccia di Francesco Capra (cat. autunno)
6: Salita al Rifugio Dal Piaz di MirkoBL
5: Galleria bianca di MirkoBL (cat. inverno)
5: L’ultimo sforzo di Maxi78
4: Scorcio Impressionista di Grigua
4: Sotto al Cervino di Emiliano
4: Arenzano di Pirata Pontex
4: Ritorno a casa di Pedra
3: Al di sopra delle nebbie di MirkoBL (cat. autunno)
2: Piz Nair di Emiliano
2: Sotto il Gigante di Fricius (cat. autunno)

Saluti e… no, sinceramente non credo ci vedremo ancora nel 2016 per questo appuntamento. Ogni anno diventa sempre più difficile coinvolgere qualcuno, siamo sempre meno con meno fotografie ed è diventato più dispendioso cercare persone e ricordare loro che devono votare. E poi ho riguardato tutte le foto degli altri anni, le prime edizioni a mio avviso avevano scatti finalisti più belli, con più fantasia e più variegati, noto che c’è stato un appiattimento e sono poche le foto che riescono a svettare rispetto alle altre.

Quindi, seppure non è una decisione definitiva, credo che a causa del continuo calare nell’interesse in questa iniziativa questa sarà l’ultima edizione. L’ultima volta di questo che vuole essere un gioco fotografico per stare insieme, vedere esperienze e luoghi diversi ed ottenere un qualcosa di condiviso

Calendario 2016, si vota!

il 01/12/2015 · Comments Off on Calendario 2016, si vota!

Al via le votazioni per il calendario dello scalatore 2016, una votazione per scegliere le 12 fotografie che ci accompagneranno nel nostro 2016 ciclistico.
103 foto (speravo di più), 17 votanti (per il momento, ci si potrà aggiungere sino a venerdì 4 pomeriggio)… Guardatele ed ammiratele!

GRUPPO A
GRUPPO B
GRUPPO C
GRUPPO D

CHI HA VOTATO

Mercato dei vini FIVI a Piacenza

il 04/12/2014 · Comments Off on Mercato dei vini FIVI a Piacenza

Lo so che in un blog ciclistico questo racconto non c’entra una mazza, però volevo scriverlo ed allora tanto vale pubblicarlo da qualche parte.


Cronaca dal Mercato dei vini da parte di un eterno enoignorante

Piove e trovare il parcheggio antistante all’ expo di Piacenza completamente pieno non è entusiasmante, ma è anche piacevole constatare che a questa manifestazione con ben 265 produttori di vino presenti ci siano problemi a trovar posto già nel primissimo pomeriggio, vuol dire che all’ interno il pubblico è abbondante e si può già parlare di riscontro positivo.
Faccio finalmente il mio ingresso e vengo accolto in un ampio salone con tutti i vignaioli disposti in 5 file di banchetti tutti uguali separati da ampi corridoi che permettono di camminare comodamente e vagare alla ricerca dei primi assaggi, con utilissimi cartelli ad indicare nome e regione dell’ azienda e stavolta anche con le coordinate numeriche ben evidenti sia sul cartello stesso che sulla guida, ovviando a quel (piccolo) problema logistico che io ed altri abbiamo riscontrato nel 2013. Trovare il primo assaggio della giornata così sarà facile, ma… mi sento vuoto, come se mi mancasse qualcosa… in effetti dopo diversi secondi di vagabondaggio, già estasiato di fronte a tale abbondanza di varietà viticole, mi rendo conto di essere sprovvisto di calice e guida, assolutamente indispensabili per iniziare la giornata!

Il primo vino di benvenuto ha sempre un forte significato simbolico ed anche stavolta inizio con un metodo classico, dando fede alla promessa di riassaggiare a bocca fresca il Prosecco Collfondo dei Flli Collavo, dal colore torbido ed aromi ricchi e vari dati dai lieviti ancora in sospensione, e promettendo loro l’acquisto di una bottiglia. In seguito riprendo a vagare in maniera indefinita tra i banchetti, ho una lista di aziende da provare ma voglio trovarle per caso individuando altri banchi interessanti o venendo braccato dai conoscenti come Antonella de “La Villetta”, con dei vini che posso definire artigianali e dall’ ottima beva compreso il Rosso 2014 che porta tutti i segni del tempo (atmosferico) di quest’annata simile a quella in cui Noé divenne famoso per l’arca.
Mi fermo a salutare un altro paio di produttori dell’ Oltrepò, non assaggio nulla in quanto già conosco i loro ottimi prodotti, ma Castello di Stefanago / Baruffaldi mi lascia preziosi consigli sulla potatura della mia barbatella di Amarone (una delle uve tipiche idr.) che ho ricevuto al Vinitaly, mentre con il Bacco dei Quaroni discuto del protocollo Vinnatur, che scopro essere meno integralista di quanto pensassi, ammettendo addirittura delle grossolane filtrazioni.
Riprendo gli assaggi e tocca ad uno dei MUST di oggi, Rocco di Carpaneto (zona Ovada AL) gestito dalla romana Lidia, banner del gruppo facebook “enospia” che produce vini a bassissimo impatto, fino rustici e particolari. Tra gli assaggi tipici della zona mi piace molto il Cortese di 24h sulle bucce (ed un leggero affinameno in legno), con un colore carico ed aromi di uva che fuoriescono dal bicchiere.
Di recente sono stato in Trentino, per cui una sosta all’ azienda Bellaveder è obbligatoria e mi colpisce il Muller Thurgau, semi (ma “quasi” a detta del produttore) aromatico con una profonda persistenza. Altro MUST è la Morella di Manduria (TA), peccato solo che abbiano finito il Primitivo base perché il blend Primitivo-Malbek è ottimo quanto complesso, un fruttato-speziato che gli dona una completezza unica ma che lo rende anche difficile per una bocca non avvezza al mondo di Bacco.
Proseguo col mio programma abbozzato, riscopro con piacere Vigneti Vallorani col loro Polisia, nato da Sangiovese e Montepulciano ed ottenuto tramite una procedura particolare di pulizia delle vasche d’acciaio, saluto il Valpolicella Antolini con un assaggio di Ripasso (ripasso a prenderlo, frase ripetuta troppe volte in sua presenza e bottiglia non ancora presente nella mia piccola cantina), Filippi di Faedo (TN) che mi sorprende con un Muller Thurgau piacevole e veramente sapido, fin salato e molto minerale, più un Cabernet acido e poco erbaceo.
Mi è giunta la voce che una persona di Acqui Terme (Costa Platani) produce Timorasso ed approfittando del suo banchetto per appoggiare il bicchiere durante l’ aggiornamento del mio blog-(notes di carta e penna con 2 visitatori unici all’anno) provo questo vino tipico del tortonese, ancora molto giovane ottenuto da vigne adolescenti. Buon prodotto che aspetta la maturità, mentre il Barbera è già una signora Barbera.

In questo schizzofrenico giro d’Italia mi ritrovo in Alto Adige, a nord di Merano da Innerleitherhof (BZ) di cui mi convince il Meranese rosso, da vite autoctona dal colore molto chiaro, più di un Pinot. Ma poi arriva l’intermezzo, avvicinandomi all’ ingresso vengo riconosciuto da una delle organizzatrici Michela Pierallini in quanto in un giochino sull’ evento FB ho risposto correttamente per primo ad una domanda vincendo un grembiule da sommelier, ed io sono qui a riscuotere il premio. Michela, che io chiamo Mi’ hela perchè alla presentazione ho subito sentito un accento fiorentino (comincio ad essere ad un buon punto con gli assaggi eh…) è semplicemente un personaggio, una persona sempre positiva e dinamica che, parole sue, anche se ha dormito 3h non perde l’entusiasmo di fare. Beata te, se io dormo 3 ore mi scritturano per “The walking dead” e non ho nemmeno bisogno del trucco!

Gli assaggi continuano, lingua, tempo e capacità cognitive si stanno contraendo ma proseguo imperterrito raccogliendo il suggerimento di Mi ‘hela  degustando l’ Incrocio Manzoni di Vettori (TV) speziatissimo con particolari sentori, addirittura di origano che fanno raccontare particolari ed incredibili racconti di gioventù al produttore che riguardano origano e dadi da cucina… Dopo 5 minuti di folli risate ritorno a fingere di essere serio a Le Marne, az. biologica di zona Gavi della quale mi convince di più il rosato di Dolcetto, anche se il colore più che rosa è marrone il gusto e la ricchezza olfattiva sono buoni. Proseguo il giro, distinguo meno i sapori, ma trovo altri banchetti interessanti a partire da Castel del Piano (MS) con un Pinot nero veramente atipico per gli standard oltrepadani ed un Vermentino rosso molto pepato (chiamato appunto Pepe nero). Degno di nota è il Montepulciano di De Angelis Corvi (TE) che ha una nota fruttata che mi ha entusiasmato abbinata al corpo di quel vino, da ricordare anche il Negroamaro di Nistri (TA) (“sai, se vengo in Puglia la mia linea va distrutta per sempre“), il Barbera rosa frizzante del castello di Agazzano (“ma perché ho bevuto quella che per me è una doppia bestemmia? Forse è ora di smetterla con gli assaggi…“) e lo Schioppettino di Falcon (UD), vino semplice ma dall’ ottima beva.

Ormai è tardi, esco a prendere lo zaino in macchina che farà da trasportino e procedo con gli acquisti: il Collfondo di Collavo è obbligatorio, il Ripasso Antolini esaurito mi farà dire ancora “quando Ripasso da Verona”, Montepulciano e Meranese per i rossi ed il Cortese per i bianchi. Poi incappo nella incredibile memoria dei vignaioli, tanto che vengo riconosciuto dall’ az. il Saliceto (MO) da cui avevo acquistato un Lambrusco nel 2013 e, visto che si beve sempre con piacere, ne approfitto per prenderne un’altra bottiglia. Apericeno dai fratelli Massa (AL) quasi miei conterranei, con Pigi che taglia una splendida pancetta e tutti i ritardatari ad avventarvisi su con le loro bocche fameliche, e per finire questo lungo pomeriggio aiuto i proprietari di cascina Bandiera (AL), azienda dai bianchi decisi ed aggressivi perfetti per un lungo invecchiamento, e ne acquisto una bottiglia che mi aveva colpito tempo fa.

Direi che è finita, il tasso alcolico c’è ma è nei limiti della piena dignità, non piove più e … aspettiamo l’edizione 2015!

Difficile trovare dei difetti nell’ organizzazione, l’unica pecca è che alle 18 in molti stavano già smontando gli stand, ma li capisco, chiunque vorrebbe tornare a casa mezz’ora prima dopo una due giorni così impegnativa. Vorrà dire che il prossimo anno entrerò al mattino invece che dopo pranzo. Per il resto tutto perfetto, con un pubblico abbastanza competente, produttori molto disponibili, pochi visibilmente ubriachi e tanti servizi di contorno come il bar, il ristorante ed altri interessanti stand di varia natura.

POLLICE SU per:

  • L’organizzazione, quest’ anno praticamente impeccabile
  • La memoria dei vignaioli, basta comprargli una bottiglia e si ricorderanno di te in eterno
  • Coppa e pancetta di Pigi, che accompagnava i Flli Massa
  • Vettori ed i suoi racconti, tra cui il dado da cucina in forno usato per un altro scopo stupefacente
  • Lo speziato, tema dominante degl assaggi
  • Il mio zaino del liceo, che ha visto più alcol che libri

POLLICE VERSO per:

  • Quei due amici pensionati che alla chiusura si sono messi le mani addosso, uno voleva assolutamente tornare e l’altro rimanere a Piacenza
  • I bicchieri caduti in battaglia, morti o feriti con urli mentali di disperazione di più o meno tutti i presenti
  • Quello che si è avvicinato ad un banchetto, ha preso un salame e se n’è andato come se niente fosse
  • Le bottiglie aperte e mezze piene abbandonate alla chiusura, sperando che muoiano nel tubo dell’esofago e non in quello del lavandino
  • Il Pinot Grigio (o Barbera acerbo?) che nei giorni passati ha fatto scalpore in Oltrepò pavese, e del quale ho parlato con i conterranei ma anche con altri.
  • Le figure pessime che ho fatto con qualche vignaiolo tentando di complimentarmi per dei vini semplici e di ottima beva (non tutti possono essere ricercati e complicati, ci vogliono anche quelli “da pasto”)acquisti_fivi

Calendario 2013, risultati

il 09/12/2012 · Comments Off on Calendario 2013, risultati

LE TRE STAGIONALI con la qualificazione sicura:

14: Verso il Passo del Gries di Emiliano (cat. autunno) (OTTOBRE 2013)
8: Colle del Nivolet di Chateaux62 (cat. primavera) (FEBBRAIO 2013 [non propriamente primavera, ma a tema])
7: Tornante ghiacciato di Emiliano (cat. inverno) (GENNAIO 2013)

LE ALTRE:

11: Aria sottile di Fricius (AGOSTO 2013)
10: Alba sul mare di Fricius (DICEMBRE 2013)
10: La fatica di MirkoBl (LUGLIO 2013)
10: Passo San Gottardo di Gise-go (APRILE 2013)
8: Cornizzolo di Walter.Rancati (cat. autunno) (NOVEMBRE 2013)
8: Riposo a Saas Fee di Emiliano (GIUGNO 2013)
– 8: Monti Motti di Gise-go (cat. autunno) (terza autunnale, prediligo Walter.Rancati che non avrebbe nessuna foto)
7: Vetta del Monte Lesima di Grigua (MAGGIO 2013)
– 7: Colle Malatrà di Emiliano (4° di Emiliano, esclusa)
– 7: In picchiata dal Lautaret di Emiliano (4° di Emiliano, esclusa)
7: Passo Furka di Gise-go (cat. primavera) (MARZO 2013)
– 7: L’ ultimo scatto! di Emiliano (cat. primavera) (Altra di Emiliano e 3° primaverile)
7: Luce radente di Fricius (SETTEMBRE 2013)

6: Perennemente in bilico, dunque esisto di Herbie7617
6: Stellisee di Emiliano
6: Altopiano della Gardetta di Emiliano
6: Lago d’Arpy di Gise-go
6: Val Verzasca di Gise-go
6: Una salita lunga due anni di Fricius
5: Laggiù, quassù di Herbie7617
5: Finestra sul Finestre di Pedra
5: Fluhalp di Gise-go
5: Vallone dell’Arma di Grigua
4: Rifugio Venini di Walter.Rancati (cat. primavera)
4: E’ un vero calvario! di MirkoBl (cat. inverno)
2: Colle del Sommeiller di Gise-go
1: Tramonto verso Passo Rolle di Fricius
0: Colle dell’Agnello di Grigua

 

ED ECCO IL CALENDARIO 2013 DA SCARICARE!

Giri e Salite su Facebook
Link utili
Categories