Le corse di natale, parte 1

il 14/01/2019 · 0 Comments

Continuano i racconti delle ferie natalizie, nessuna impresa epica da annoverare nell’ album dei ricordi ma tante belle giornate di sport ed amicizia. Oggi si parla di corsa, quella che ormai è diventata la mia principale attività fisica.

Si inizia con mercoledì 19, la “tapapizzata di natale”
Tapapizzata, neologismo che indica una corsa in compagnia buona principalmente come pretesto per ritrovarsi poi con le gambe sotto al tavolo e le posate a tagliare una Margherita farcita. Quella di natale è un appuntamento ormai fisso, quest’anno l’ho organizzata in maniera più ufficiale per la squadra e la metà dei partecipanti veste i colori gialloneri della Scalo Voghera, ma oltre a loro sono presenti altri amici accomunati dalla passione per la corsa e per le birre del dopo-corsa.
Il clima ci gioca una piacevole sorpresa, con un freddo uggioso che ci accompagna attraverso il centro storico di Voghera di cui ci riappropriamo tra divertiti sorrisi degli aperitivanti e qualche vaffa di automobilisti a cui disturbiamo la circolazione. Usciti dalla città però inizia la magia, una nevicata seppur debole e ghiacciata comincia ad imbiancare i campi illuminati dalle nostre torce frontali ed i fiocchi ci tagliano il viso in questa gelida atmosfera natalizia. Ma pizza e birra ci fanno velocemente riprendere dal freddo e dai 10km di allenamento

DSCF4185
DSCF4203

sabato 22, trail di natale dell’Azalai
Un bel raduno autogestito in notturna è l’occasione per trovarmi con altri a questo evento di brindisi di una squadra tortonese specializzata nei trail, la serata è fantastica sia come temperatura che per la luna piena che ben illumina le colline di Castellania, con partenza benedetta dal sindaco verso un percorso di 8km scarsi, ma estremamente affascinante con passaggi alle torri di S.Alosio, terreno a tratti fangoso e scivoloso ottimo come palestra propriocettiva, temperatura perfetta ed un bel gruppo diviso tra corridori e camminatori.
E poi, ovviamente, taglio di salame, zola, panettone e vino come richiede ogni brindisi di natale ben fatto

azalai_natale1
azalai_natale4
domenica 23, gara di Voghera
E’ la gara che organizza la Scalo Voghera e che si tiene all’epifania, ma quest’anno anticipata a prima di natale per concomitanze e che vede un bel gruppo alla partenza, ampio sia numericamente sia qualitativamente. Avendone gestito l’evento Facebook la sento un po’ mia e voglio credere che l’incremento rispetto alla passata edizione sia anche merito del piccolo lavoro svolto. Io non ho intenzioni bellicose al punto che decido di fare da fotografo ufficiale con la mia scarsa fotocamera, tanto che alla partenza mi lascio sfilare, mi fermo a sistemare il tutto e riparto senza forzare, ma terminando comunque ad un ottimo ritmo per l’impegno messo: 15kmh di media con tratti sterrati distribuiti sui 7300m di percorso, quasi a premio di categoria (ah, se non avessi perso tempo all’inizio!)
camminata_staffora 027
camminata_staffora 033
camminata_staffora 009

Under Pensieri

Pensieri sui cambiamenti che la vita impone

il 26/09/2017 · Comments Off on Pensieri sui cambiamenti che la vita impone

Questo blog è nato sia per proporre ritrovi ufficiali come il 10° giro dei vigneti d’Oltrepò e sia per raccontare le mie piccole imprese alla scoperta dell’Italia (e non solo). Sino allo scorso anno, con qualche trasgressione podistica o enologica, l’argomento è sempre stato questo, ma quest’ anno ho cambiato. L’incidente di aprile è stato impattante ed ha definitavente dato rottura ai pensieri che avevo in mente da molto, almeno dal 2016.

Non rinnego niente, anzi questo settembre finalmente mi sta vedendo abbastanza in bici con 3/4 pedalate settimanali lungo sterrati, muri, boschi e vigneti, sassi e discese discretamente impegnative e devo confessare che mi mancava l’aria nelle orecchie (larghe) e tra i pochi sparuti capelli, il gesto, la fatica nei quadricipiti, il senso del viaggio e la libertà che solo due ruote a propulsione umana ti possono dare. Nonostante tutto continuo ad essere anche un ciclista, che sia strada o che siano sterrati, ed è bello sentire la gamba finalmente riempirsi di watt ed urlare su tratti ripidissimi per poi godersi discesine tecniche. Mi manca un po’ la strada, ma non al punto di valutare a breve l’acquisto di una stradale. La mtb è dura, molto più dura, si passa in un attimo dal piano al 30%, si spinge e si fatica a scendere, in pianura su asfalto al massimo si va all’80% della velocità e con gli sterrati i chilometraggi crollano, tanto che nei miei classici percorsi casa-ufficio con 13km obbligati le possibilità di allungo sono limitate alle prime colline e le loro tante alternative. Mi mancano le lunghe pedalate, i grandi dislivelli e l’ampiezza che la bici stradale ti sa dare con ore e ore di sforzo, ma non mi mancano abbastanza, purtroppo.

1) Non mi mancano le terribili strade dell’Oltrepò, il dover stare attento tutto il tempo a schivare buche sperando di non rischiare incidenti con il resto del traffico. Con la mtb posso saltarci sopra e pazienza se abbiamo asfalti che ci ricordano la guerra.
2) Non mi manca il traffico sempre più demenziale, frettoloso, disattento, tutti che vivono come zombie attaccati al telefono per vedere con assoluta urgenza chi ha messo il “like” su facebook, anche a costo della tua vita, che vanno a velocità ridicole ma non rispettano tutto il resto del codice stradale, che non possono aspettare un secondo. Basta, negli sterrati posso staccare il cervello, la bici deve rimanere un piacere
3) Ho finito le idee, nonostante elenchi e mappe che mi spronano ad inventare sempre nuovi ed originali percorsi ormai sono il re della zona, non c’è strada asfaltata su cui non sia già passato più volte. E’ ora di cambiare e di trovare nuovi stimoli
4) La corsa… nel 2014 ho giusto provato, non pensavo di fare il salto della barricata e diventare un agonista pedestre con anche qualche risultato assoluto in piccole gare. Ma abbinare i due sport stava diventando pesante ed ora cerco di seguire la regola dell’alternanza, un giorno di bici ed uno di piedi. I 100km del sabato, la gara a piedi ed altri 50km alla domenica, andare a lavoro in bici e poi correre e poi rientrare… stava diventando troppo, talvolta è meglio rilassarsi o dormire di più nel weekend, non sono un ironman e non devo battere alcun record
5) E pazienza se posso permettermi qualcosa di meno a tavola, nell’ultimo anno la mia alimentazione è stata sconvolta in positivo ed ho scoperto che prima mangiavo troppo e male, troppi dolci e prodotti industriali che a lungo andare creano problemi. Ho cambiato la mia dieta e, strano da dirsi, ho raggiunto un minimo di peso che nemmeno ho sfiorato quando pedalavo 4h al giorno. Per cui se prima andavo in bici tanto per potermi sfogare a tavola, ora ho meno questo bisogno.

Tutti punti che si collegano ad una scelta che già lo scorso anno pensavo di fare e che è stata forzata dagli eventi. Qualcuno direbbe che diventando grandi si cambia, altri che ci si normalizza, non so definirlo con esattezza ma so che per il momento va bene così, in futuro si vedrà.

Un post senza foto però non ha senso, per cui vi lascio qualche scatto di agosto/settembre, ciao e ci vediamo il 14 ottobre al 10° giro dei vigneti d’Oltrepò

Quando l’unica possibilità rimane l’attraversamento del torrente a piedi
20170807_180419
Fango, il nuovo compagno di viaggio
20170907_193818
Se splende l’arcobaleno vuol dire che lì sta piovendo
20170914_183245
Due tramonti
20170920_191857

20170924_191000
E quando arriva l’autunno tutto prende una cupa ma affettuosa atmosfera. I primi freddi umidi, i tramonti anticipati, i vestiti più pesanti ed il calore dei luoghi chiusi. L’autunno è la stagione che preferisco
20170925_082540

Under Pensieri

L’amaro passaggio alla mountain-bike

il 14/08/2017 · Comments Off on L’amaro passaggio alla mountain-bike

L’arrivo di una nuova bici è solitamente un momento di gioia, ma questa volta ha il sapore agrodolce di un cambiamento imposto dalle circostanze sempre peggiori per pedalare. Era da un po’ che ci pensavo, da ben prima dell’incidente che mi ha coinvolto a metà aprile obbligandomi ad un mese di stop totale e che almeno, probabilmente grazie ad una muscolatura abbondante, non mi ha causato una frattura del femore ma solo un enorme ematoma interno che ancora oggi non si è riassorbito completamente.
Stavolta la bicicletta non è una stradale come accade dal 2002, ma una mountain-bike a doppia ammortizzazione e già attrezzata bene per essere un modello di base, praticamente pagata interamente dall’assicurazione di chi ha causato l’incidente (e sto aspettando ancora per l’indennizzo dei danni biologici). Si apre per me un nuovo mondo in cui sono rimasto arretrato di più di dieci anni, quando ancora le “full” erano dei prototipi ed i freni a disco erano qualcosa di futuribile, quando le ruote dovevano essere piccoline per aumentare il controllo e quando era tutto un mondo diverso in cui servivano cartine ed esplorazione, altro che caricare le tracce da Openstreetmap sul Garmin usando il telefono in caso di dubbi. Ora devo fare un bel salto e riaggiornarmi, ma pian piano conto di riuscirci e di superare il timore delle discese su un mezzo con cui sto prendendo confidenza.

20170808_105906

Dicevo che questo arrivo ha un sapore agrodolce, la gioia di un nuovo acquisto si scontra col fatto di voler rifiutare l’asfalto: troppo brutte ormai le strade, sta diventando una corsa ad ostacoli evitare buche e lavori in ogni dove, dover fino procedere contromano e non poter alzare gli occhi nemmeno per un istante in una provincia con le strade peggiori d’Italia. E poi il traffico motorizzato è sempre peggiore e non sono l’unico ad averlo notato, non si contano più i morti ammazzati né per colpa loro né per pura fatalità, sono tutti sempre più storditi e menefreghisti attaccati al cordone ombelicale delle minchiate su Facebook invece che guardare la strada usando un’arma in grado di fare una strage (s’intenda che anch’io guardo sin troppo le “minchiate” su Facebook, ma non quando rischio la mia o altrui incolumità).
Oltre a questo ci aggiungo la mancanza di stimoli, ormai ho girato ogni angolo del territorio e non mi dispiace avere qualche ora di ozio in più e dover mangiare qualcosa meno per un ridotto consumo calorico, non mi dispiace nemmeno ridurre il carico di fatica e dedicarmi meglio alla “corsa e salite” esplorando il territorio in maniera più ridotta ma più intensa.
Per cui mi scuso con i lettori di questo blog sia per i mesi senza aggiornamenti e sia per il cambiamento, ma per ora va così. In futuro non si può mai dire, mi mancano le sgroppate collinari e i lunghi viaggi dedicati a me stesso, ma non abbastanza per superare tutti gli altri problemi.

Ma intanto una cosa voglio ancora farla: sabato 14 ottobre ci sarà il 10° giro dei vigneti d’Oltrepò con merenda, segnatevelo!

Già dietro casa c’è da divertirsi
44
22
33

Under Pensieri

Foto sparse dal 2015

il 04/03/2016 · Comments Off on Foto sparse dal 2015

Non avendo grandi idee o racconti da pubblicare, vi regalo qualche foto scattata col cellulare. Eh si, lo scorso anno dopo 12 di onorato servizio ho abbandonato l’indistruttibile Nokia per un più moderno smartphone, un modello dell’avanzatissimo 2014… Di sicuro è comodo come fotocamera, capita di avere situazioni belle o curiose da fotografare e nonostante l’obbiettivo di bassa qualità, una foto bruttina è meglio che niente.
Oggi pubblico una decina di scatti di altrettante piccole avventure

Come tutti i giorni lavorativi sono andato in ufficio in bici, ma alla sera ho una gara podistica all’ingresso della ciclabile tra Voghera e Rivanazzano. Per cui luce in fronte ed ho pedalato nella notte, allungando un po’ in collina
20150508_215654
Un gatto curioso annusa le mie ruote
20150516_170058
Piove e sono in ufficio, uso questa tecnica artigianale ma efficace per non bagnarmi le scarpe
20150521_192615
Non vogliamo farci un giro alla fiera di Tortona prima di tornare?
20150529_190331
Degustazione ciclo-enologiche. Mi capita ogni tanto di fermarmi in qualche cantina per degli assaggi in concomitanza con qualche evento
20150531_192810
Strada pavese di alta montagna che collega Casale Staffora a Negruzzo
20150602_171341
Stessa strada di sopra, leggermente rovinata
20150602_171749
L’arena di Verona, un classico dei miei giri in Valpolicella
20150606_193406
A nord di Trento andando in ufficio dal cliente lungo la ciclabile che costeggia l’Adige
20150610_075417
Contrasto tra la terra ed il cielo minaccioso
20150816_150203

Under Pensieri

Foto sparse dal 2015

il 24/02/2016 · Comments Off on Foto sparse dal 2015

Solitamente non mi porto dietro la fotocamera, lo faccio solo in previsione di un giro particolarmente interessante, oppure quando la giornata permette delle splendide foto. Ho già pubblicato tutti i racconti del 2015, ma ci sono un altro paio di giri nei quali sono uscite delle foto stupende.

10 gennaio
In pianura il clima è caldo con punte di 9°, ma come si sale di quota la temperatura impazzisce su valori assolutamente primaverili sopra un sottile strato di umidità. Giro mattutino nelle basse colline viticole d’Oltrepò

Cascina a Castello di Redavalle
DSCF0818
Cigognola da Pietra de Giorgi, con Canneto e le Alpi sullo sfondo
DSCF0819

Montalto pavese
DSCF0825

 

Fine ottobre
Una decisa inversione termica sta già formando le prime nebbie dell’autunno, io sto invece terminando una stagione di trasferte casa-ufficio allungando inevitabilmente al mattino baciato dal primo sole, sfidando il sonno residuo per terminare con un valore decente di chilometri giornalieri

Alba a Pozzol Groppo
OI-casa15 002

Pozzol Groppo alle prime luci
OI-casa15 007

Segagliate spunta in modo molto parziale dalla nebbia in val Grue
OI-casa15 008

Sarezzano tra sole diretto ed umidità
OI-casa15 014

Under Pensieri
Link utili
Archives