Invito al giro del tortonese

il 23/03/2013 · Comments Off on Invito al giro del tortonese

sabato 13 Aprile

Come ormai è tradizione, anche questa primavera si terrà il classico giro del Tortonese. Memore dell’ esperienza dello scorso anno in cui eravamo in pochi ma grossomodo dello stesso livello, ho deciso di rendere questa giornata più un allenamento rispetto ad un giro prettamente turistico.Quindi saremo qualcuno di meno, ma avendo un livello più simile verso il semi-agonistico sarà più divertente per tutti, con tratti tranquilli e tratti tirati, panoramici ed agonistici.
Per questo motivo il percorso sarà simile ma più duro di quello 2012, 109km e circa 2000m di dislivello con tutta la salita di Albarasca, la galleria di Garbagna e per accorciare un po’ invece di Montemarzino ci sarà Guardia da Brignano Frascata, 2300m a circa il 9%

INFORMAZIONI

Il ritrovo è alle ore 10:00 presso l’ Iperama di Tortona, lungo la strada Tortona-Rivanazzano e Tortona-Garbagna (che in quel punto sono parallele), a 400 metri dal centro commerciale Iper.
Il ritrovo si trova esattamente in questo punto, 44° 54 25 Nord 8° 53 18 Est, nei pressi della “strada vicinale pelosa” di Tortona.
Consiglio l’ uscita autostradale di Castelnuovo Scrivia per chi viene da Milano, Voghera per chi viene dall’ emilia, Tortona per tutti gli altri.
La partenza sarà alle ore 10:30.
In caso di maltempo sarà rinviato a sabato 27 Aprile. Darò notizia dell’ eventuale rinvio entro Venerdì 11 sera.
Non sono previste soste pranzo, perciò consiglio di essere indipendenti dal punto di vista alimentare. Ciò non esclude di potersi fermare in qualche posto, probabilmente a Garbagna o all’ imbocco della val Borbera

DESCRIZIONE

Link GPS: http://tracks4bikers.com/tracks/show/130219

Come già scritto il giro sarà grossomodo sullo stesso percorso del 2012 (a mio avviso il migliore di tutti), ma avrà anche due importanti novità.
Si partirà quasi subito in salita, abbandonando la città attraverso le sue verdi colline parzialmente urbanizzate sino al crinale per Sarezzano, dove termina la salita. Una bella discesa tra vigneti ci porterà a Villaromagnano, seguendo la valle Ossona saliremo a Castellania passando per Montale Celli, onorando in seguito il monumento funebre ai Fratelli Coppi.
Scenderemo a Carezzano per affrontare la 3° salita di S. Agata Fossili, che inizia decisa e pian piano diviene più semplice, poi ci immetteremo su una strada tra verdi colli e dopo la discesa ci aspetterà un breve falsopiano con occasionali strappetti dentro pittoresche frazioni come Sardigliano, dal quale parte una salitella di 1km che svalica verso Stazzano. La successiva salita è la più impegnativa del giro, inizia con punte al 10% e continua comunque decisa, lasciando però anche spazi per rifiatare. Si scenderà a Garbagna dove iniziano subito i 2km pedalabili della galleria, prima di scendere un poco ed immetterci in val Borbera, un’ affascinante vallata con strette scavate nella roccia. Dopo di questo c’è Dernice, salita di 5km abbondanti e molto facili.
Una piacevole discesa ci porterà a San Sebastiano, noi seguiremo la valle sino al paese successivo di Brignano Frascata, da cui parte l’ ultima tosta salita della giornata che prevede 2.3km al 9% medi. Passeremo da Casasco e continueremo sino alla val Grue, 13 lunghi chilometri prima dell’ arrivo in cui i passistoni potranno dare fondo a tutte le energie organizzando un treno ai 40 orari.
E’ possibile accorciare il giro tornando da Garbagna o al limite da Dernice (4° e 5° salita).

LE SALITE:

Ci sono 6 salite in questo giro:

Sarezzano via Paghisano
Castellania
S. Agata Fossili
Sorli
Galleria di Garbagna
Dernice dalla val Borbera
Guardia

LE DISCESE:

Le discese sono tutte in discreto o buono stato, occorre però mantenere un margine di sicurezza che permetta di affrontare le occasionali crepe, buchi o avvallamenti tipici di questa zona.

I PUNTI DI INTERESSE:

Castellania per i riferimenti storici
Le strette della val Borbera
La stradina in cresta dopo S.Agata Fossili
Il passaggio a Sardigliano
E tutto il giro in generale, che racchiude l’ essenza del Tortonese e delle terre in cui Fausto Coppi ha mosso le sue prime pedalate

CONTATTI:

Per domande o altro da discutere in maniera privata (esempio il n° di cellulare): [email protected]

tortonese_201205

Top 2012, i migliori 3 giri

il 07/03/2013 · Comments Off on Top 2012, i migliori 3 giri

22/04) Giro del Tortonese

Siamo solo in 8, però come dice il motto “siamo pochi ma buoni”. Partiamo da Tortona subito in salita verso Sarezzano, saliamo compatti ad eccezione di Paolo che ha un ritmo più tranquillo rispetto a noi. Ci riuniamo al GPM e scendiamo beati verso Villaromagnano, da dove inizia una ciclabile che percorriamo anche lungo un tratto di salita per Castellania, piccolissimo comune che ha visto il natale di Fausto Coppi, il Campionissimo a cui dedichiamo una visita non prevista.
La salita successiva porta a S.Agata Fossili, rimango leggermente arretrato alla partenza ma poi recupero il gruppo imprimendo un’ accelerata finale che non compie la scrematura sperata. Il pezzo seguente è un’ affascinante discesa tra verdi colline a pochi chilometri in linea d’aria dal traffico della valle Scrivia, finendo in una piacevole valle secondaria nella quale sorgono affascinanti paeselli come Cuquello. C’è un piccolo valico di 1km in cui Luciano tenta uno scatto, ma la battaglia inizia alla salita successiva di Albarasca, che con i suoi tratti al 10% sfalda il gruppo.
Arriviamo in val Borbera, ma prima di attraversare gli affascinanti canyon ci fermiamo per uno spuntino, in seguito superate le strette ci sono alcuni chilometri abbastanza facili che portano ai 590m di Dernice, chilometri agevoli per tutti tranne che per Paolo che comincia a patire le fatiche della giornata. A San Sebastiano racconto di come la prossima scalata a Montemarzino sia una delle mie preferite, la cosa scatena gli spiriti guerrieri di tutti che partono in fuga aspettandoci solo al bivio successivo. Paolo declina l’ ultimo valico e torna a Tortona, noi altri partiamo in ordine sparso con vili attacchi per conquistare la vetta, ma io tengo duro e supero tutti, compreso Marco che è partito una ventina di secondi prima di me.
Ci prendiamo 10 minuti di relax approfittando della balconata panoramica che dai 448m domina la pianura, al termine della discesa  l’ accordo è di fare gruppo per superare al meglio il ritorno col vento contrario, ma tre infidi pavesi partono subito all’ attacco, io sono in fondo e solo con una poderosa tirata raggiungo Massimo e Luciano mettendomi con loro all’ inseguimento del gruppo di testa. Il distacco è sui 12 secondi, davanti si danno cambi regolari ma pian piano il distacco si riduce, dopo 8km li agganciamo e nell’ ultimo tratto riusciamo pure a sfaldare il gruppo perdendo per strada due elementi.
Ci ritroviamo tutti al parcheggio dove c’è Paolo ad aspettarci, siamo stati meno del solito però la giornata è stata molto più divertente!
La tirata finale entra di diritto negli annali della mia carriera

TOTALE: 118km, 1800m comprese andata e ritorno a Tortona

LINK 1:  http://giriesalite.altervista.org/?p=1659
LINK 2: http://giriesalite.altervista.org/?p=1666

Il gruppo a Castellania rende omaggio a Fausto Coppi
 tortonese_201205
Panoramica dai 448m di Montemarzino

tortonese_201233

 

10/09) Finestre … e non solo!

Tralascio il trasferimento travagliato, è un lunedì di Settembre con un buon clima e per riscaldarmi faccio una pedalata dentro Susa, prima di imboccare la più famosa salita sterrata d’Italia: il colle delle Finestre. L’ inizio sino a Meana si Susa è un muro imprevisto, 12% fisso per oltre un chilometro, poi superato il paese la carreggiata diventa stretta e la ripidità scende a valori estremamente costanti attorno al 9%. Il primo tratto è completamente immerso nel bosco, con un susseguirsi di tornanti ed occasionali visuali su Susa e Moncenisio, all’ improvviso però inizia lo sterrato e non è più in condizioni ottimali come al Giro d’Italia: il terreno è ben battuto, ma ovunque affiorano sassi e devo fare attenzione ai rivoli scavati dalle piogge. La ciclabilità è totale, basta fare attenzione e rallentare leggermente l’ andatura per evitare i pezzi più sporchi, zigzagando tra le due sponde di questa stradina.
Il valico arriva prima del previsto e lo conquisto senza fatica, ricevendo i complimenti di chi è giunto prima di me. Dopo le foto di rito scendo ad Usseaux e favorito da una leggera brezza pedalo veloce verso Sestriere, superando il primo tratto quasi piano e senza problemi pure la seconda parte più impegnativa, con larghi tornanti che portano a questa famosa località famosa per il turismo invernale.
Chiedo in giro e prendo il rischio paventato, quello del colle del Basset, 2424m di altitudine raggiunti da una strada completamente sterrata, con un fondo che è simile a quello del Finestre (almeno è ciò che mi dicono). In realtà la carreggiata è più larga e polverosa, ma anche qui la ciclabilità è totale e senza problemi conquisto un passo molto alto. La discesa verso Saux d’Oulx è tutta sterrata, sono 600m di dislivello in cui con la bici da corsa affronto sassi, radici, curve semi-paraboliche e tratti ancora bagnati. Una discesa facile per chi va in mtb, impegnativa per chi come me viaggia con ruote da 23mm. Supero Saux d’Oulx sul pavée e scendo a valle, dove mi accoglie un bel venticello contrario sino a Susa, fortunatamente è quasi tutta discesa e non ho problemi. Peccato solo che trovo il negozio chiuso, mi sarei portato volentieri a casa un ricordo enologico di questa bella valle minacciata da una gigantesca opera di “dubbia” utilità.
Il giro alpino del 2012, sterratissimo!
 
TOTALE: 102km, 2900m, 21km sterrati

LINK 1: http://giriesalite.altervista.org/?p=1802
LINK 2: http://giriesalite.altervista.org/?p=1829

Susa salendo al Finestre
 finestre08
Lo stato dello sterrato
 finestre24
Tornanti sterrati
 finestre32
Foto di rito

finestre46

 
13/10) Giro dei Vigneti d’Oltrepò

Ed eccoci finalmente al giro più memorabile del 2012, quello in cui (quasi) tutto va alla perfezione.
L’ influenza colpisce ancora togliendomi 2 partecipanti, siamo in 12 ma già so che qualcuno taglierà a metà percorso, partiamo dalla primissima collina di Casteggio soffrendo il freddo nella discesina iniziale, ci scaldiamo in questa giornata di densa foschia salendo verso Montalto via Mazzolino/Oliva Gessi, il gruppo si frammenta tra chi ha voglia di spingere, chi di parlare e chi semplicemente fatica a tenere il ritmo. A Montalto aspettiamo troppo una persona la cui condizione è approssimativa, lui fa di tutto per non essere di peso e ci precede prima del successivo bivio che ci porta a Pietra de Giorgi.
A Cigognola troviamo addirittura la nebbia, ma è una cosa passeggera, a Broni salutiamo quella persona che deve tornare indietro, poi iniziamo la guerra col sottoscritto ed Andrea C intenti a tirare come dei dannati nei 2km pedalabili verso Canneto Pavese, con Christian a fare da terzo incomodo sempre alla nostra ruota. Elia si sente l’ influenza e torna indietro, noi proseguiamo tranquilli in val Versa sino alla salita successiva, la facile Montù Beccaria dove Andrea C e Christian tentano di fare l’ andatura, fregati negli ultimi metri da Marco che scatta ed io che riesco a rimanergli a ruota.
Prendo un piccolo rischio e faccio avventurare il gruppo su una strada che non frequento da anni, questa si rivelerà un’ ottima scelta tanto che saliamo compatti e scendiamo sino a S.Maria della Versa seguendo sempre la stessa strada senza bisogno di soste intermedie. Dopo una pausa caffè riprendiamo in direzione passo Carmine, la cima Coppi di giornata coi suoi 610m. Iniziamo forti facendo una selezione minima, dopo la spianata il gruppo si sfalda e rimaniamo i soliti tre davanti, ci fermiamo a Pometo per un inconveniente meccanico di Andrea ed aspettiamo gli altri, tra cui Marco che conoscendo l’ altimetria ne approfitta per un incredibile tirata sino alla cima alla quale solo io resisto.
Ci dividiamo senza accorgercene in due gruppi, nel pezzo successivo troviamo pure un tratto di nebbia fitta, ma ci ricompattiamo a Costa Cavalieri decidendo di tentare lo sprint cittadino di Fortunago, 300m in pavée in cui tutti gli altri tentano una volata per arrivare primi alla piazza di questo paesino. Vince Marco, ma d’ altronde è il nostro scattista e gioca in casa. Scendiamo a valle dal vero muro di Fortunago, 1200m asfaltati con punte del 18%, al rientro nessuno tenta vili attacchi come al Tortonese e rimanendo uniti ritorniamo ad alte velocità sino a Casteggio. Dopo lo strappetto in centro al paese rientriamo, al ritrovo ci aspetta Milena dell’ azienda agricola Guerci per una gustosa merenda degustativa.
A tavola siamo in 8, divoriamo grana abbinato al Pinot nero vinificato in bianco, salame come accompagnamento al frizzante Bonarda, Cruasé, Riesling italico e per finire un favoloso Moscato abbinato a dei cioccolatini, è un’ ottima panoramica sui vini dell’ Oltrepò ed un modo bellissimo di finire una giornata in cui abbiamo tenuto una media superiore ai 25 orari, nonostante le discese tranquille, i tratti piani fatti a velocità contenuta ed alcune salite prese a ritmo turistico…
Un giro a cui tenevo tanto, con una degustazione andata benissimo.

TOTALE: 96km, 1650m

LINK 1: http://giriesalite.altervista.org/?p=1837
LINK 2: http://giriesalite.altervista.org/?p=1845
LINK degustazione: http://giriesalite.altervista.org/?p=1857

Viti, paesini e nebbie d’Oltrepò
 oltrepo_201208
Quanto ben di dio…

oltrepo_201223

Giri e Salite su Facebook
Link utili
Categories