Giro dei vigneti, secondo racconto

il 28/10/2013 · Comments Off on Giro dei vigneti, secondo racconto

Siamo a Torrone, tra Rovescala e S.Maria della Versa su un lungo crinale al confine tra le province di Pavia e Piacenza, dei 21 che formano il gruppo di partenti al “giro dei vigneti d’Oltrepò” in 4 devono tornare indietro e scendono in valle Versa, altri 4 li seguono per deviare sul percorso medio scortati da Elia, noi rimaniamo in 12 diretti verso il corposo sconfinamento in territorio emiliano.
Si inizia con una leggera discesa a mezzacosta su crinali monotematici in cui le vigne appena vendemmiate coprono la quasi totalità del panorama, ne passiamo davanti ad una che invece offre ancora corposi grappoli lasciati a sovramaturare (o almeno è ciò che racconto ad Andrea) e poi, appena entrati in territorio piacentino e subito dopo una battuta di Massimo (“chissà perché non mi sembra più di essere in Oltrepò, cosà ci sarà di diverso?“) riprendiamo a salire con dolcezza in direzione Vicobarone. L’ idea iniziale era di imporre un’ andatura tranquilla almeno in questo tratto interlocutorio, ma per qualcuno del gruppo “tranquillo è sotto i 30 orari” e giocoforza si ripropone il classico terzetto di testa su pendenze da falsopiano sino a quel balordo incrocio in mezzo al paese.
Ci fermiamo tutti perché, nonostante la giornata rimanga piuttosto fresca, dopo 2 ore abbondanti abbiamo bisogno di ricaricare le borracce e la fontanella in piazza fa al nostro comodo. C’è anche chi dovrebbe alleggerire la vescica, ma suggerisco di aspettare la fine della discesa per poterlo fare comodamente al bar, specialmente per quella ciclista che non può -come noi maschietti- semplicemente mettersi dietro una pianta.

Il prossimo sarà il tratto più ripido della giornata, la strada si impenna tra le abitazioni e solo Andrea sembra non faticare sulle pendenze che raggiungono il 12%, mentre io ansimo per non scendere mai sotto i 13 e non staccarmi dalla testa, e dire che sto andando piuttosto forte per i miei standard! Christian stavolta abbandona la sfida e ci raggiunge al bivio successivo, a poco più di un cavalcavia dal valico dopo che il muro è stato soppiantato da del falsopiano.
La quasi totale assenza di vegetazione ci permette un’ ampia veduta sul lembo orientale dell’ Oltrepò pavese, su queste dolci colline piacentine che sfociano in val Tidone, sui boschi ai piedi della zona montana e su nubi per niente minacciose che svolazzano nel cielo. Riunitici scendiamo a Trevozzo con larghe e dolci curve ed un brevissimo tratto sterrato, poi giunti in paese c’è chi ne approfitta per nascondersi dietro ad un muro per il test delle urine, chi favorisce un caffè e chi si riposa un attimino prima della ripartenza.

La ripresa è tranquilla lungo la val Tidone, cerco di tenere il gruppo unito su pendenze banali e si parla un po’ di tutto, con Fulvio che mi racconta alcune Randonée a cui ha partecipato, e tante altre chiacchiere sinché uno strappetto a Nibbiano fa un minimo di selezione splittando il gruppo in due, rimanendo io nel primo sino all’ imbocco della salita di Pometo, da alcuni chiamata “piccolo Stelvio“, ma me più semplicemente la “19 tornanti in 2100m“. Da dietro una curva sento arrivare delle voci con uno spiccato accento genovese, subito dopo Massimo ed altri sbucano fuori e mi raggiungono, essendoci tutti mi rimetto in azione recuperando anche qualcuno che si era avvantaggiato. I due scalmanati sono ormai troppo distanti, ho finalmente la scusa per scattare qualche foto alla diga di Molato che forma il lago di Trebecco, poi riprendo Fulvio che spronato da Paola tenta anche di starmi a ruota e ci riesce abbastanza bene, il che non mi sorprende considerando la sua abitudine a giri di 300km, e per finire mi chiama Elia dicendomi che sono stanchi di aspettarci a Montalto pavese… “Ma come fate già ad essere lì”??? “Non avete fatto una pausa caffé”? “Quando siete andati forte”? “Noi dobbiamo ancora arrivare a Pometo, voi tornate pure alla partenza” (il tutto pedalando lungo alcuni tornanti).

Arrivo al GPM e non c’è nessuno, confido che siano poco più avanti alla fontana e così aspetto gli altri che giungono alla spicciolata. C’è Federico che è abbastanza in crisi, dopo il caffé ha avuto un netto crollo ed insieme discutiamo su quale possa essere per lui la soluzione migliore, ma temiamo che non ci siano alternative più pratiche (per lui) che quella di seguirci. Gli altri come mi aspettavo sono alla fontanella di Pometo, dopo un meritato travaso delle borracce ripartiamo verso la valle Scuropasso per quella che purtroppo sarà la peggiore discesa di giornata.

L’ asfalto non è particolarmente bucato o pericoloso, ma la sua ruvidità è realmente molesta e ci fa vibrare dalla sella sino al casco. Giunti in valle Scuropasso ci accoglie un manto stradale meno vecchio, ma di contro costernato da alcuni grossi rattoppi che ci danno dei bei colpi al soprassella. Non so che prende al milanese Andrea, ma si mette a tirare a tutta ed è solo la sua scia che ci permette di scorrazzare ai 45 orari sino al bivio per Montalto, dove (alla buon’ora!) un raggio di sole ci riscalda a dovere nell’ attesa del resto del gruppo. Federico ci anticipa, la 9° ed ultima salita è anche la più impegnativa, con 5.6km e 250m di dislivello è comunque la “montagna Pantani” del 6° giro dei vigneti.
Ne mancano due, Marco e … dopo un po’ mi ricordo di Alessandro, c’è chi ne approfitta per una sosta pipì, c’è lo stesso (io) che prova inutilmente a contattare Marco e che si sta preoccupando notevolmente. Probabilmente si tratta “solo” una foratura, ma spero non siano successi problemi più gravi. Arriva un gruppetto, tiriamo un sospiro di sollievo ma non sono loro, poi finalmente compare una tuta blu/nera e riconosciamo Alessandro che nella ruvida discesa sentiva troppe vibrazioni anomale accorgendosi di avere forato. Ne manca uno, che giunge appena dopo mettendo fine alle preoccupazioni.

Ripartiamo a freddo su pendenze mediamente impegnative, questa è una salita che mi ha visto spesso in crisi e l’ acido lattico nelle gambe ha già raggiunto livelli significativi a seguito delle numerose tirate a cui il duo, già da subito anche qui, mi ha costretto. Sino a Lirio saliamo forte, poi complice un tratto piano e la poca stima nelle mie capacità non do l’ anima e mi stacco prendendo velocemente diversi secondi che reputo assolutamente irrecuperabili. Ne approfitto anche per abbassare per la prima volta i manicotti, lo scorso anno nonostante la nebbia hanno viaggiato spesso nelle tasche mentre oggi sono stati una sorta di “pannello solare” nero atto a convogliare sulle braccia ogni singolo raro raggio di sole.
Christian sta staccando Andrea! Sono pochi i metri che li separano, ma sembrano aumentare, mentre quello che rimane stazionario è il mio distacco dal milanese che comunque viaggia a velocità quasi professionali. Per sua fortuna la seconda parte di salita è praticamente piana e favorisce il ricongiungimento con chi soffre molto i tratti piani, col sottoscritto fisso a 15 secondi di distacco. Il “colombiano” Christian ci riprova nell’ ultimo pezzetto al 6%, ma svalicano in testa e proseguono sino al paese di Montalto pavese dominato dal suo castello visibile praticamente da tutto l’ Oltrepò. Io ne approfitto per delle foto e poi mi riaggancio a quelle due belve da montagna, seguito da Mike, Federico in evidente difficoltà e poi tutti gli altri.

Manca solo la discesa, per questo tratto sarò io a fare da chiudigruppo lasciando gli altri liberi, scoprirò poco dopo dell’ epica battaglia sullo strappetto di Calvignano in cui Marco e Mike giocano in casa ed attaccano Andrea con una poderosa sparata, guadagnando un gruzzoletto che riusciranno a tenere sino all’ arrivo nella primissima collina in cui si trova l’ azienda Guerci. Io termino molto più tranquillo, trovo gli altri ad aspettarci al bivio e proseguiamo insieme sino al parcheggio con questi 20m di dislivello finale fanno fino piacere.

Troviamo Elia, Paolo e Boris annoiati e ben coperti dopo un bel periodo di attesa, scopro che Francesca e Maurizio sono tornati indietro per motivi di salute ed Elia ha accorciato il medio tagliando per Montecalvo Versiggia così da trasformarlo in un “corto”. Ecco perché hanno impiegato così poco tempo!
Ci scambiamo le prime (buone) impressioni sulla giornata odierna, ci cambiamo e ci prepariamo per la merenda, ma non prima di una foto di gruppo monca di diversi elementi. Certo che pensarci prima eh… Ci aspetta la merenda, fuori fa freddino, ma stavolta Milena ha allestito il tavolo all’ interno del magazzino e tutti si fiondano affamati a tavola per iniziare (ma giusto iniziare) con un brindisi di benvenuto, salutando prima chi invece non si fermerà con noi…

(CONTINUA… così saprete cosa vi siete persi!)

Dolci colline della val Tidoneoltrepo_2013 013

La diga di Molato, che forma il lago di Trebecco
oltrepo_2013 024
Alessandro supera un trattore in vendemmia

oltrepo_2013_fgambaro15

Montalto pavese, le salite sono finite

oltrepo_2013 036

Il gruppo, da sinistra: Fulvio, Andrea M, Mike, Valerio (alto), Alessandro (basso)
Andrea C, Marco, Paola, Stefano, Paolo, Boris, Massimo, Christian, Federico

oltrepo_2013_fgambaro18

Giro dei vigneti, primo racconto

il 21/10/2013 · Comments Off on Giro dei vigneti, primo racconto

Mi sveglio ed accendo il telefono, è un attimo che mi arrivano 3 messaggi consecutivi da 3 milanesi che mi chiedono lumi sulle condizioni atmosferiche, da loro sta piovendo a dirotto e sono titubanti a venire. Guardo fuori dalla porta e non vedo l’ ombra di una nuvola, quindi li richiamo per aggiornarli sul meteo e scoprire che due coppie sono già in viaggio, mentre un terzo gruppetto si è rigirato nel letto, vorrà dire che sarà per la prossima…

Stavolta arrivo in orario ma nel piazzale antistante l’ azienda flli Guerci ci sono già diverse auto parcheggiate con molte persone intente a scaricare biciclette e a prepararsi a questo bel giro, vuoi per un’ organizzazione migliore, vuoi per più pubblicità, ma alla fine faccio la conta e siamo 21, oltre le mie aspettative e sicuramente un bel risultato, augurandomi di riuscire a gestire un gruppo così numeroso. Due anni fa ci sono stati diversi problemi ed eravamo in 17, questa volta mi faccio aiutare da Elia che farà da chiudigruppo e spero fili tutto liscio.
Il nocciolo duro dei “miei giri” è presente quasi al completo, ma ci sono tante facce nuove da conoscere e a cui far conoscere questo territorio. Qualche nuvola rovina i piani e nasconde un caldo sole che ci da sollievo da queste temperature più tipiche di novembre, sarà così per tutto il giorno con massime -secondo me- mai superiori ai 13°.

I primi 800m di discesa sono sempre terribili, ma poi c’è subito la salitella di Mairano (“ma tu continui a considerarla salita?” mi rimprovera Marco) che ci permette quantomeno di scaldare la gamba e di cominciare a fare un minimo di selezione tra chi ha voglia di spingere (Andrea C, Christian, Davide, Celestino, Mike) e gli altri che invece sono più tranquilli. L’ arrivo di Elia certifica che il gruppo è ancora compatto e dopo meno di 5 minuti di salita ritorniamo alla pianura per un chilometro scarso di statale in cui Andrea scalda la gamba attorno ai 30 orari. Ricompattiamo il gruppo a Torricella e ci addentriamo finalmente nel vero Oltrepò viticolo, basse colline in cui la vite domina incontrastata coi suoi colori che stanno velocemente mutando verso quelli caldi dell’ autunno, colline quasi caotiche su cui si arrampicano stradine e si trovano solitari casolari e frequenti mini-frazioni.
Passiamo davanti ad un nuovo microbirrificio ed io faccio caso ad un mio “socio ciclista” in cortile, questo appena prima dell’ imbocco della facile 2° salita di giornata che con stretti tornanti passa sotto al castello e alle colorate abitazioni di Mornico Losana. Ufficialmente Andrea va come lo scorso anno, io scopro subito che sta peccando di modestia poiché mi piazzo alla sua ruota (assieme a Christian) e saliamo a velocità folli anche nel breve tratto sterrato, mi piacerebbe vedere i dati ma credo che la media sia stata sui 23 orari… E pensare che due anni fa dopo 500m alla stessa velocità mi sentivo forte…
Mi devo riscaldare, fa freddo” è stato il suo commento, il mio preso dall’ affanno invece chiede se sia il caso di dividersi già ora in due gruppi, ma arrivando tutti alla spicciolata con piccoli distacchi, con Elia a chiudere il gruppo assieme a Boris a cui era caduta la catena, decidiamo di non decidere.

Riprendiamo in discesa, per me è bellissimo il colpo d’occhio di tanti ciclisti scendere dal pallone del campo sportivo di Mornico sino al bivio, peccato non poter fermare il momento in un’ immagine. Siamo già al 3° colle in cui ci diamo meno battaglia, saliamo decisi ma senza eccessi e ci fermiamo in piazza a Pietra de Giorgi dove qualcuno ne approfitta per mangiucchiare ed altri per bere. Anche qui chiedo se sia il caso di dividerci tra gruppo del “lungo” e gruppo del “medio”, ma alla fine rimandiamo ulteriormente perché il gruppo è abbastanza omogeneo e le attese cominciano ad essere lunghe solo per noi 3 davanti che stiamo facendo un ritmo veramente alto.
C’è ancora un pezzo di salita, poi scopriamo un’ altra delle caratteristiche tipiche dell’ Oltrepò, e non è il castello di Cigognola che da sull’ infinita pianura padana con sguardi che superano i grattacieli di Milano arrivando sino al lago di Como, nemmeno quella fantastica conca viticola a ferro di cavallo che racchiude uno stagno appena sopra al livello della campagna, ma si tratta delle tipiche buche e strade rovinate che ci fanno vibrare nel primo tratto di discesa.
Si uniscono a noi altri due ciclisti pavesi, Alberto ed Isabella, che ci accompagneranno sino all’ imbocco di Montù, noi ci fermiamo al bivio per Broni e nell’ attesa qualcuno ne approfitta per alleggerirsi. Broni è un paese da 8000 abitanti circa ed il suo attraversamento nella via principale in pavée non ci causa problemi nonostante il numero non propriamente esiguo che forma il gruppo.

Davanti a noi c’è ancora salita, lo scorso anno la battaglia è partita da qui e Marco vuole replicare con un feroce scatto a cui solo io ed Andrea replichiamo, scatto a cui desiste lasciandoci soli col nostro ritmo fortunatamente sotto i 20 orari sino a Canneto, recuperando altri che nel frattempo si erano avvantaggiati. L’ Oltrepò viticolo è così, un susseguirsi di salite e discese pedalabili con dislivelli mai elevati, ma che prese in sequenza sanno fare molto male. Decidiamo di proseguire ancora tutti assieme, una larga ed agevole discesa ci riporta in val Versa dove Alberto ed Isabella ci salutano, ed in men che non si dica siamo già alla 5° scalata odierna di Montù Beccaria da nord, una strada che inizialmente sale mantenendosi parallela alla valle e che poi presenta alcuni ampi tornanti, con un trattore che prima rischia di tagliarci la strada e che poi non riesce a raggiungere il sottoscritto che sta tenendo senza troppa fatica le ruote di Christian ed Andrea, che a loro volta non sono al 100% (ma direi almeno al 95%), con Mike poco più indietro. Mi fermo alla rotonda e mando tutti a “quel paese” sulla destra, cioè Montù Beccaria, avvisandoli di fermarsi più avanti. Una volta che passa San Elia (che sta lottando col raffreddore e che sta scortando una ragazza in giornata “no” ed il suo compagno) mi avvicendo anch’io e ritrovo tutti davanti al bar poco avanti allo scollinamento. Quella coppia dotata di Garmin decide di proseguire per farsi poi riassorbire, noi ne approfittiamo per addentare un qualcosa (salamini esclusi, vedi foto in fondo!) e poi ripartiamo rimanendo sempre circondati dal solito panorama di basse colline coltivate a vite, frazioni ed improvvisi paeselli, ma d’altronde si chiama “giro dei vigneti” mica per caso!

Gli attimi di riposo si contano in centinaia di metri, quelli che separano la breve discesa da Montù a Braccio e l’ inizio della lunga -rispetto alla media odierna- scalata sino a Torrone di Rovescala, una strada che con larghi tornanti prende velocemente quota tra ripide collinette per poi continuare in maniera alternata a salire mantenendo la cresta della collina, con un passaggio per Rovescala ed altri strappetti su cui rimaniamo sempre davanti in 3 e con Mike che ci tiene per un pezzo per poi staccarsi leggermente. Mi arrivano delle chiamate di Elia, ma non sento nulla, provo a richiamarlo e ricevo l’ avviso di telefono non raggiungibile, spero non sia successo niente e che non si siano fatti ingannare dal cartello “Vicobarone” che in effetti accorcia il percorso proponendo un muro da cicloalpinismo. Pian piano arrivano tutti, e scopro che è tutto ok, tranne che Francesca non è proprio in giornata e decide assieme a Maurizio di accorciare. Siamo al bivio definitivo ed assieme discutiamo il da farsi: Davide, Celestino, Sergio ed Ettore devono tornare indietro e scelgono quindi di scendere a S.Maria della Versa, Boris, Paolo, Elia e l’ altra coppia deviano sul percorso medio, mentre Federico al suo primo anno di bici si sente bene e continua sul lungo con noi. Faccio la conta e siamo rimasti in 12 ad avviarci verso lo sconfinamento nel piacentino.
(CONTINUA…)

Il gruppo si appresta alla partenza

oltrepo_2013 002

Il primo panorama della giornata (rovinato da qualche byte corrotto)oltrepo_2013 003

Salendo verso Mornico Losana

oltrepo_2013 004

Boris ed Elia chiudono il gruppo

oltrepo_2013 006

Siamo a Montù Beccaria…

oltrepo_2013 007

…ma i salamini sono già finiti!

oltrepo_2013 008

Giro “delle castagne” (26 ottobre)

il 15/10/2013 · Comments Off on Giro “delle castagne” (26 ottobre)

Visto che il giro dell’ Oltrepò, coi suoi 21 partenti, è andato piuttosto bene, mi sento incoraggiato e propongo questa altra giornata assieme attraverso le colline  dell’ alto Oltrepò, un territorio completamente differente rispetto alla zona viticola, ma bellissimo coi suoi colori autunnali.

INFORMAZIONI:
Ritrovo: ore 10:00 di sabato 26 ottobre davanti alla posta di Rivanazzano, per info: http://www.pedra.altervista.org/turs/new_turs/Rivanazzano.htm
Partenza: ore 10:30, durata entro le 5 ore
Percorso: 92km, 1700m, http://tracks4bikers.com/tracks/show/161274 (facilmente accorciabile di 8km e 400m di dislivello)
– Si parte da Rivanazzano seguendo dei saliscendi sino all’ imbocco degli strappetti di Languzzolo, seguiti dalla ripida (ma ben asfaltata) discesa di Cencerate e dalla salita collinare di Fortunago via Stefanago, che poi continua sino ai 609m del passo Carmine seguendo i crinali. Si scende a Pometo per scendere ulteriormente lungo il “piccolo Stelvio” sino alla val Tidone, seguita prima in falsopiano sino a Zavatarello ed in seguito abbandonata sino allo scollinamento di Pietragavina.
Una picchiata sino a Varzi prepara all’ ultima tosta salita di Oramala, che farà male con le sue rampe malefiche al 17% e che ci immetterà in un fitto bosco sino a Poggio Ferrato. Le fatiche sono finite, la val di Nizza prima e la Staffora poi ci riaccompagneranno dolcemente sino all’ arrivo.
Andatura: è un giro da fare grossomodo assieme, in salita si può forzare, ma negli altri tratti si cerca di fare gruppo unico
E’ tutt’ altra organizzazione rispetto al giro dei vigneti, ma spero che anche questo giro vi piaccia e spero che saremo almeno in 4/5 (o qualcuno di più!)
Se maltempo: in caso di brutto tempo il giro è annullato, ma ci sono altri progetti che bollono in pentola per San Martino!

 

s.alberto 007

Giri e Salite su Facebook
Link utili
Categories