Foto sparse del 2013

il 27/02/2014 · Comments Off on Foto sparse del 2013

Riempio questo periodo di pausa forzata con qualche foto sparsa dalla scorsa stagione, nell’ attesa che più del 25% dei weekend abbiano un tempo soleggiato ed in attesa (e speranza) di risolvere definitivamente la tendinite che mi trascino da inizio anno, la quale limita la qualità delle mie uscite.

5/01) In una splendida giornata di sole osservo il monte rosa spuntare dalle infinite colline viticole nei pressi di Montecalvo Versiggia

101_0158

13/04) Il giorno dopo il giro del tortonese mi concedo un’ uscita tranquilla, ma non resisto alla tentazione di affrontare il muro di Vallescura

101_0242

30/06) Per finire in bellezza giugno c’è il classico giro delle Capanne di Cosola, poco dopo il valico il monte Lesima si mostra in tutto il suo verde splendore. Non fatevi ingannare dalle nubi, sono innocue

101_0268

7/07) Altro giorno di pigrizia, in cui prendo la fotocamera più che altro per avere un pretesto valido per fare meno fatica. Sto salendo a Vignola, frazione della valle Staffora sotto le pareti di arenaria di Pizzocorno

101_0282

7/07) C’è una salita che affronto una volta l’ anno ed è quella che da San Ponzo arriva a Cascina Rossago. Un bel ripido che offre interessanti visuali

101_0286

10/11) Ormai la stagione è finita e questi giri sono di puro piacere in un ambiente pienamente autunnale. Qui la panoramica dai 609m del passo Carmine

101_0680

Under Pensieri

Formula per calcolare la difficoltà delle salite

il 03/02/2014 · Comments Off on Formula per calcolare la difficoltà delle salite

Probabilmente questa è una domanda che ci siamo fatti spesso: quanto è dura quella salita, esiste una formula per calcolarne la difficoltà?

Prima di rispondere con la spiegazione del semplice metodo da me ideato nel lontano 2001, quando ancora non ero a conoscenza del sito di salite.ch, è doveroso fare delle premesse.
La difficoltà di una salita è principalmente un fattore soggettivo, influenzabile da svariati elementi e da situazioni mai uguali. Il più importante di essi è lo sforzo: tendenzialmente più la pendenza è elevata e più si fatica, ma quanto dipende principalmente dal ritmo impostato, per cui pure un’ ora di pianura può essere faticosissima, come può essere sfiancante un inseguimento lungo un falsopiano o essere poco impegnativo un tratto al 10% a 9 orari. Inoltre c’è anche il fattore affaticamento, in situazioni di crisi una banale salitella diventa peggio del Mortirolo.
Per questo motivo non esiste una risposta univoca alla domandaquanto è dura una salita‘, ognuno ha i suoi parametri e le sue sensazioni ed un indice di difficoltà è giusto un valore indicativo dello sforzo richiesto. Ad esempio, nonostante un valore quasi identico, ho sofferto molto di più lo Stelvio da Prato rispetto al Mortirolo, ma sono sicuro che c’è chi ha avuto un’ esperienza opposta alla mia.

Oltre ai dati soggettivi ci sono da prendere in considerazioni anche quelli ambientali: l’altitudine influisce parecchio sulle prestazioni, così come la temperatura, l’umidità, la presenza di ombra ed il fondo stradale, che stimo possa aumentare (nei casi peggiori) la difficoltà anche del 20%. Questi parametri sono troppo variabili per essere inseriti in una formula, ad esempio è più facile un tratto a 2500m con 18°, o uno uguale a livello del mare con 37°? Al massimo si possono usare dei moltiplicatori per bilanciare il manto stradale, da 0.95 per quelli appena rifatti sino ad 1.15 per quelli molto ruvidi, ma non si è soliti utilizzarli poiché ci sono cambiamenti nel tempo e l’ attrito varia anche in funzione delle ruote, che più sono larghe o sgonfie e meno subiscono le imperfezioni dell’ asfalto.

Con queste premesse si può capire come l’ indice di difficoltà sia un valore indicativo, globale ed applicato solamente all’ altimetria, che non tiene conto della vera salita. Detto questo, la formula è veramente semplice: per ogni settore che sale si calcola:
sommatoria di pendenza*pendenza*lunghezza (in km) = sum (p^2*km)
E’ possibile usare il moltiplicatore per il fondo stradale:
p*p*lun * (da 0.95 per asfalti appena rifatti ad 1.20 per quelli disastrati o ruvidissimi)

Come sono arrivato a questa formula? Posso stimare l’ impegno richiesto a superarlo:
– In discesa è negativo, si va da soli e ci si riposa
– In pianura ipotizzo sia 0, non si compie sforzo per proseguire alla stessa velocità (è una semplificazione per motivi di calcolo)
– In salita più il tratto è ripido e più è faticoso, nel 2001 ho ipotizzato che la fatica aumenta in maniera quadratica rispetto alla pendenza. L’ 1% è praticamente pianura, il 2% ha fatica quadrupla rispetto a metà pendenza e la cosa può sembrare esagerata, eppure si tratta di valori molto piccoli ed chi pedala conosce la differenza di questo solo punto percentuale, ben più evidente rispetto a quella che separa un 10 da 11%.
Il 4% è già salita che blocca chi non ha gamba, a sensazioni direi che il quadruplo rispetto al 2% è un valore plausibile.
Andiamo su valori molto più alti: 10%, tutt’ altra cosa rispetto ad un “quasi agevole” 4%, pendenze da ciclisti allenati, ed un 20% è terribilmente più faticoso del 10%.

Non so se sia la formula perfetta, ma i valori ottenuti mi sembrano plausibili.

La difficoltà totale, che io chiamo anche “fatica necessaria per scalare” è data dalla sommatoria di tutti i settori. Semplice e lineare, funzionante anche nei casi estremi (difficoltà di 10m al 5%? è 5*5*0.01=0.25!). Considera anche la divisione in tratti, perché 1000m al 10% medio (f=100) hanno una difficoltà inferiore se sono formati da due tratti di 500m rispettivamente al 5% ed al 15% (f=125).
Questa formula non tiene però conto della distribuzione dei settori, e lo faccio di proposito:
Se c’è un tratto di discesa, quanto dovrei togliere alla fatica complessiva? Poco, se quasi pianeggiante, niente se preso a ritmo forsennato (anzi l’ aumenta), tanto se il tratto precedente è stato affrontato a ritmo massimale. Così entriamo troppo nel campo del soggettivo e non è possibile considerare questi aspetti.
Per lo stesso motivo la formula non guarda alla disposizione dei vari tratti, se i pezzi duri sono tutti consecutivi e alla fine, o se sono separati da falsopiani la difficoltà non cambia

Qui in seguito le altimetrie di Mortirolo da Mazzo e dello Stelvio dai 48 tornanti. La difficoltà è quasi identica,  1425 a 1417,  come tipologia sono agli antipodi.

STELVIO

Stelvio_p

MORTIROLO

Mortirolo

Under Pensieri | Taged ,
Giri e Salite su Facebook
Link utili
Categories