Concorso fotografico “calendario dello scalatore 2016”

il 10/11/2015 · Comments Off on Concorso fotografico “calendario dello scalatore 2016”

Sono stato prolisso con le regole, ma preferisco essere preciso piuttosto che avere recriminazioni in seguito. Vi aspetto numerosi! E non voglio remore a partecipare, è un gioco semplice e divertente, ma con un po’ di sfida nel mezzo.
Rispetto allo scorso anno è cambiato veramente poco, solo due piccole differenze o precisazioni
– ci saranno soltanto due categorie stagionali, autunno ed inverno. La categoria tramonti o primavera non esistono più
– è possibile partecipare con fotografie proprie o scattate da altre persone nel proprio gruppo che vi ritraggono. Quindi valgono gli scatti in cui si è protagonisti, ma non quelli di fotografi ufficiali
– sono possibili dei piccoli ritocchi o filtri che però non snaturino il senso dell’immagine (un po’ come lo scorso anno)

QUI la pagina con tutti i link: indice calendario

— Il classico regolamento completo —

– Questa selezione serve per scegliere le 12 foto che andranno a formare il calendario dello scalatore facendole scegliere agli stessi partecipanti ed ai membri del forum dello scalatore e della pagina Facebook di Giri & salite attraverso un sistema informatico che semplifica le operazioni.

– DATE:
Invio dati entro il 29 novembre, a mia discrezione lunedì 30 pomeriggio.
Eliminatorie: da dicembre
Finali: a seguire

– FOTOGRAFIE ED AUTORI:
A questa selezione può partecipare chiunque potendo inviare da 1 a 10 fotografie.
Per ogni foto si deve farmi avere il file, il nome ed una breve descrizione. Le immagini in dimensioni ridotte le creo io, quelle troppo grandi verranno ridotte sino a 1600×1200.
Le foto devono essere proprie e devono essere a tema ciclistico. Visto che il “tema ciclistico” è una definizione molto vaga sono sostanzialmente accettate tutte le foto che possono avere una minima attinenza con la bici da strada. Se poi la giuria la ritiene inappropiata semplicemente non la vota…

– GIUDICI:
Per poter votare bisogna essere partecipare come fotografi, essere membri del forum di www.salite.ch con almeno 50 messaggi scritti o essere iscritti alla pagina Facebook di giriesalite: https://www.facebook.com/Giriesalite
Per votare bisogna mandarmi una password, cosi da proteggere il proprio voto da eventuali errori o malizie altrui. La password non deve essere una che usi in punti critici come banche o E-bay, perchè anche se verrà criptata rimane comunque in mio possesso.

– INVIO DATI:
Tutti i dati vanno inviati al sottoscritto attraverso la mia mail: [email protected] . Chi vuole anche votare deve mandarmi una password (tutti, anche chi ha già partecipato). Gli altri devono mandarmi le fotografie non più grandi di 1600×1200 e scrivermi una tabella contenente i dati “nome file ; titolo ; descrizione ; (eventuale categoria)”. Mi basta un file di testo, non Doc Office o altro. In questo sarò piuttosto fiscale perché correggere i nomi, ricavare titoli, ricontattare gli autori per chiarimenti è sempre stato il maggior impiego di tempo di tutto il mio lavoro, e lo scorso anno qualcuno non è stato ammesso per questo motivo.
* Così va bene (categoria generica): 000_1221.jpg ; Castello ; Una bici appoggiata alle mura del castello
* Così no (manca descrizione e titolo): “In autunno le foglie gialle coprono la strada.jpg” ;cat. autunno
* Così nemmeno (manca descrizione seria): Neve ; Neve ; neve ; cat. inverno
Inviatemi una lista corretta e ben formattata poiché in questo sarò pignolo sino alla stupidità. Il mio compito è di gestire tutte le fasi delle votazioni, il vostro compito sarà quello di inviarmi le foto ed i dati corretti.
Per separare i campi va bene il ; o altri caratteri facilmente riconoscibili (come | oppure / ). Così formattata posso facilmente inserirle in tabelle e convertirle nel database senza dover elaborare i dati di persona, cosa che in passato mi ha portato via molto tempo.
I nomi delle immagini non devono contenere spazi e devono terminare anche con la corretta estensione. Fate anche attenzione a minuscole/maiuscole che possono causare problemi sul server Linux

– Vista la difficoltà di alcune annate nel scegliere il mese più opportuno di certe foto (nel 2011 ce n’erano 5 autunnali!) quest’ anno ci sono 3 categorie delle quali entreranno a far parte alcuni scatti: “autunno, inverno”, “tramonti”. I partecipanti potranno indicare per ogni foto se appartiene ad una delle 3 categorie, oppure a quella generica (nessuna scelta è uguale a generica, salvo che la foto sia palesemente autunnale, invernale o un tramonto). Questo mi aiuterà nella stesura del calendario, nelle 12 vincitrici ce ne sarà 1 o 2 appartenente ad ogni categoria.
Sono autunnali le fotografie con nebbia, foschia e foglie colorate, invernali quelle con neve, ghiaccio o vegetazione spoglia.
* Funziona così: se nelle 12 non ce n’è nessuna invernale, non userò la 12° ma la prima a tema.
* Se nelle 12 ce ne sono una o due invernali, allora non cambia niente
* Se nelle 12 ce ne sono 3 o più invernali, userò solo le prime 2 e scarterò la 3°, pescando la prima delle escluse.
Sembra complicato, ma a voi non cambia nulla ed il calendario sarà più a tema!

  •  La “competizione” è divisa in 2 fasi, le eliminatorie e la finale.
  • Nelle eliminatorie Tutte le foto verranno divise in gruppi di 20-30, cercando di dividere equamente quelle dello stesso autore. Ogni giudice, per ogni gruppo, deve visionare con dovuta cura tutte le foto guardandole anche in dimensioni originali attraverso i link presenti nella tabella o cliccando sull’ anteprima. Il giudice deve scegliere quelle che secondo lui sono le migliori 5 barrando il quadrato relativo alla foto. Un Javascript controlla che il numero di selezioni non sia superiore al massimo consentito e che si abbia marcato esattamente 5 caselle. Una volta scelte le migliori si inserisce la password nel campo di testo in fondo, si seleziona il propio nome e si invia. Una nuova pagina indica le scelte fatte e l’ esito della richiesta. La password sbagliata e il tentativo di votare 2 volte vengono segnalati.
  •  E’ possibile per chiunque vedere chi ha già votato, serve a me per gestire la cosa ed è una curiosità per gli altri.
  • Alla fine del concorso, per evitare sospetti, pubblicherò un file con tutte le scelte di tutti i giudici. Ci rimette un po’ di privacy ma si guadagna in trasparenza.
  • Alla fase finale accederanno le prime X foto di ogni gruppo, dove X varia a seconda del numero di gruppi e foto presenti, cercando di avere almeno 25 scatti finalisti. Cambierà il sistema di selezione: ogni giudice dovrà scegliere la foto preferita la quale prenderà 3 punti, altre due foto meritevoli alle quali andranno 2 punti, più altre 5 fotografie a cui andrà un solo punto. A parità di punteggio vince chi ha ricevuto più scelte. Nel calendario ci saranno al massimo 3 foto per autore.

Dai partecipate! Specialmente come giudici, non serve un master in fotografia per esprimere le proprie preferenze

Under Pensieri

Lourdes 7, l’esperienza nel paese

il 05/11/2015 · Comments Off on Lourdes 7, l’esperienza nel paese

Lourdes, un paese da 16000 abitanti tra le prime alture dei Pirenei diventato famoso dal 1860 in seguito alle apparizioni della Madonna (la “immacolata concezione” come ella stessa si definì a Bernardette, la 14enne protagonista degli episodi), evento su cui si può essere giustamente scettici ma che ha avuto diverse prove indiziarie ed ha visto diverse guarigioni inspiegabili che, almeno dal punto di vista cattolico, ne confermano la veridicità.
Avrei voluto raccontarvi una settima tappa, quella della scalata ai 2115m del col du Tourmalet, ma nei due giorni di permanenza il tempo è stato inclemente, con pioggia discontinua ed una temperatura anche di 12°, con conseguente shock termico pensando ai 37° della partenza. Per cui vi racconto una panoramica su questo mondo “fuori dal mondo”, con aspetti ovvi ed altri ben comprensibili, ma anche con sfaccettature che nessuno immaginerebbe.

L’ aspetto principale ed ovvio è quello cattolico, essendo forse la principale meta mondiale di pellegrinaggio, ed il flusso si incentra nella zona della grotta in cui la giovane ragazza ha avuto le visioni, un piccolo anfratto sulla riva del fiume Gave de Pau, con interminabili file per camminare nei luoghi più significativi, toccare quelle pareti al punto di averle rese liscie ed inumidirsi con la stessa acqua benedetta. Sopra alla grotta, dietro richiesta della Madonna, è stata costruito il santuario di NS di Lourdes, sotto ad esso (non chiedetemi come) è stata costruita la basilica di Nostra Signora del Rosario, più piccola e meno appariscente, raggiunta da due lunghe rampe e due ripide scalinate. Nel 1958 è stata inaugurata anche la basilica di San Pio X, una costruzione sotterranea in cemento in grado di ospitare 25000 fedeli.
Di fianco alla grotta ci sono anche le vasche sacre, quelle in cui le persone si immergono nella speranza di un miracolo o alla semplice ricerca della spiritualità, ci sono numerose fontane da cui si riempiono bottiglie se non taniche di acqua, la zona delle candele ed altre strutture o chiese nei dintorni.

L’aspetto ben comprensibile è che dove c’è un così elevato afflusso turistico ci sono anche le strutture ricettive, in questa zona bassa del paese è tutto un affiorare di alberghi e rivendite di souvenirs di culto, tutti con nomi di ispirazione religiosa ed alcuni con musica o con cartelli in cui si specifica che si parlano più lingue, compreso italiano ed inglese. Ci sono anche la gioielleria e l’albergo Soubirous, creati dal fratello di Bernardette che subito ha fiutato l’affare… Oltre al merchandising ci sono anche bar, caffetterie e boulangeries, ma giustamente anche i pellegrini devono mangiare.
E poi c’è un aspetto che nessuno si aspetterebbe in un posto in cui si va alla ricerca di Dio o della fede: i pub, e nella zona turistica non sono pochi alternanosi con frequenza alle altre attività e sempre pieni anche durante la settimana da persone di tutte le nazionalità, frequentati sia da chi vuole bersi una birra con gli amici (e vi ho trovato le birre migliori di tutto il viaggio), sia da ragazzi principalmente inglesi che dopo una giornata di servizio ai malati si danno alla gioia di due, tre se non oltre birre medie, girando visibilmente allegri ed ubriachi e talvolta con costumi da carnevale. Diciamo che volendo anche a Lourdes escono delle serate memorabilmente devastanti…

Lourdes è un mondo a parte, ed in quanto tale è possibile in pochi metri incrociare persone provenienti da tutte le parti cristiane del globo. A sensazione la nazionalità predominante è quella italiana, ma tantissimi sono anche gli inglesi, molto più numerosi dei pur sempre presenti tedeschi e spagnoli. Invece sono rimasto sorpreso di aver incontrato così tanti pakistani ed indiani. E’ un mondo molto internazionale in cui ci sentiamo tutti fratelli dello stesso Dio, in cui le distinzioni sociali e di provenienza crollano lasciandoci tutti alla pari con un umanissimo rispetto nelle diversità reciproche, rispetto che io stesso ho avuto nonostante la mia non-affiliazione al cattolicesimo ed un orientamento mai nascosto che più che religioso definirei spirituale.
Scordatevi però le immagini stereotipate delle interminabili file di malati anche gravi che sperano in miracoli, quell’aspetto è ormai scemato e principalmente il turismo è formato o da persone alla ricerca spirituale, o da associazioni come l’ OFTAL (Organizzazione Fraterna Trasporto Ammalati Lourdes) o l’ AMAMI di Napoli, il cui obbiettivo è accompagnare persone con deficit fisici o mentali o semplicemente non più autosufficenti in una vacanza di preghiera e divertimento, con canti e giochi di gruppo organizzati in ospedali costruiti apposta per ospitare queste persone e con il trasporto su carrozzine alle numerose preghiere ed eventi del giorno. Lourdes per questo ha una serie di piste “carrozzinabili” preferenziali per gli ammalati in carrozzina, spinti da “dame” e “barellieri” nel caso della stessa Oftal (e, quando c’è stato bisogno, pure dal sottoscritto) o da altri volontari.
Non è più il luogo in cui si va per toccare con mano la sofferenza del prossimo, ma vivere Lourdes come puro turista è un modo povero di passare il tempo, quando si vive assieme agli altri la situazione di disagio di certe persone allora si ragiona sulla propria vita e si capisce che, in fondo, l’essere partiti da Tortona ed arrivati qui in bici è comunque un qualcosa di cui essere contenti (se poi io penso che 10 giorni prima sono stato investito da un’auto… beh si capisce!)

Personalmente ho toccato tutte le tappe fondamentali della visita, a partire dalla grotta sino al momento in cui Pino e Paolo hanno messo a dormire alcuni dei visitatori “speciali”, con un bagno nelle vasche sacre (nessun miracolo però eh…), la conoscenza con la mia guida Emanuele che per due pomeriggi mi ha portato a correre e a fare il giro turistico del paese (non ho potuto pedalare, ma almeno non sono stato fermo), una visita da puro turista assieme a Daniele e Carmine sotto un’incessante pioggia e 12° ed anche delle serate divertenti al pub, ma senza gli eccessi dei ragazzi inglesi. Insomma… una bella esperienza anche questi due giorni di pernottamento all’ inizio dei Pirenei!
Ed ho anche corso, mi sono portato pure le scarpette da running nell’eventualità di avere il tempo per un’uscita e di visitare i paesi attraversati in una maniera alternativa, cosa fatta solo qui grazie alla guida Emanuele che il primo giorno, sotto una leggera pioviggine santa, mi ha portato nei punti più significativi rigorosamente a piedi, uscita ripetuta il secondo giorno di permanenza con la bella scalata della ripida via Crucis.

E poi c’è il viaggio di rientro, da considerare non come la fine ma come l’ultima avventura in cui io, Pino e Paolo abbiamo caricato le sei biciclette nel furgone ed abbiamo attraversato tutta la Francia meridionale, partendo alle calde luci dell’ alba che filtravano attraverso le piogge, attraversando Tolosa e Montpellier, fermandoci poi in Costa Azzurra per un imprevisto bagno nel Mediterraneo ed uno sfizioso pranzetto lungo la strada costiera delle rocce rosse di Cannes, per tornare infine ai 30° dell’ Italia con dei bei vaffa a tutte le particolarità francesi vissute nell’ultima, intensa settimana.

Au revoir bella avventura!

La grotta dell’ apparizione ed il santuario di NS Lourdes
lourdes 220

La fiaccolata serale che termina con la recita del rosario in più lingue20150729_214502

Vista dal santuario
20150730_100324

L’ospedale per gli ospiti più speciali. Il 4° piano era riservato all’OFTAL
20150729_174658_Richtone(HDR)

Si canta, si balla e ci si diverte
20150729_174633

L’avventura è finita e noi 6 festeggiamo!
20150730_225737

Ma che gente si trova a Lourdes il giovedì sera?
20150729_230723

My fairy lady, may have I a photo with you (ho dato per scontato che fosse inglese)
20150729_230809

E si corre anche!
20150730_182203

L’alba di un lungo viaggio dai Pirenei all’Appennino settentrionale20150731_063746

Rocce rosse verso Cannes
lourdes 224

Costa Azzurra ed il suo bellissimo mare
lourdes 226

Under Pensieri
Giri e Salite su Facebook
Link utili
Categories