Foto sparse dal 2015

il 24/02/2016 · Comments Off on Foto sparse dal 2015

Solitamente non mi porto dietro la fotocamera, lo faccio solo in previsione di un giro particolarmente interessante, oppure quando la giornata permette delle splendide foto. Ho già pubblicato tutti i racconti del 2015, ma ci sono un altro paio di giri nei quali sono uscite delle foto stupende.

10 gennaio
In pianura il clima è caldo con punte di 9°, ma come si sale di quota la temperatura impazzisce su valori assolutamente primaverili sopra un sottile strato di umidità. Giro mattutino nelle basse colline viticole d’Oltrepò

Cascina a Castello di Redavalle
DSCF0818
Cigognola da Pietra de Giorgi, con Canneto e le Alpi sullo sfondo
DSCF0819

Montalto pavese
DSCF0825

 

Fine ottobre
Una decisa inversione termica sta già formando le prime nebbie dell’autunno, io sto invece terminando una stagione di trasferte casa-ufficio allungando inevitabilmente al mattino baciato dal primo sole, sfidando il sonno residuo per terminare con un valore decente di chilometri giornalieri

Alba a Pozzol Groppo
OI-casa15 002

Pozzol Groppo alle prime luci
OI-casa15 007

Segagliate spunta in modo molto parziale dalla nebbia in val Grue
OI-casa15 008

Sarezzano tra sole diretto ed umidità
OI-casa15 014

Under Pensieri

S.Stefano al monte Penice

il 08/02/2016 · Comments Off on S.Stefano al monte Penice

In pianura la giornata è fredda e grigia, sembra nuvoloso ed il clima non invoglia di certo a pedalare. Ma a metà mattinata guardo le webcam e noto che sopra gli 800m il sole sta dominando sulle alte nebbie con temperature primaverili, per cui carico la bici in macchina e studio un breve percorso montano con partenza da Varzi da farsi nel primo pomeriggio.
Non fa comunque freddo, addirittura oso a non mettermi i copriscarpe e la sceltà sarà vincente, qui a Varzi il clima è ancora grigio ma si sta bene ed in salita ci si scalda un po’. Inizio facile sulle prime rampette del Brallo, poi devio per una delle salite che detesto e che mi porta a Menconico, una strada a mezzacosta che sale molto più delle apparenze. Dopo il paese arriva il bello e duro, la strada nei boschi alle pendici dei monti sale molto decisa superando spesso la doppia cifra e guadagna velocemente quota. Inizialmente un timido sole si fa intravedere in cielo, ma in pochi minuti  l’ azzurro esplode e con esso la temperatura che aumenta di diversi gradi. Ora fa caldo, il sole ed il cielo limpido sopra il mare di nebbia sovrastato dall’arco alpino ricordano più la primavera che il giorno dopo il natale…

E sudo pure, devo togliermi i guanti e slacciarmi tutta la giacca per stare bene ai 1100m del passo Scaparina. Scendo a Ceci e seguo questa nervosa ma bella via che mi porta in val Trebbia verso Bobbio, fortunatamente senza la nebbia della confinante valle Staffora. Non arrivo al paese, il bivio con la statale del Penice è più alto e considerando che si tratta di un’altra salita che odio per me è un bene. Al bivio di S.Maria prendo una decisione non preventivata e mi immetto sul versante alternativo, più ripido e stretto e molto meno frequentato, il quale attraverso due piccole frazioni e tratti ripidi mi fa risparmiare un chilometro e tanto traffico. Ritorno alla statale a 2500m dalla vetta, qui mi trovo nel bosco e l’asfalto è bagnato, ma non ci sono difficoltà particolari ed arrivo al passo con relativa facilità.
Il passo Penice coi suoi 1145m stavolta non è un punto di sosta, parto diretto verso la cima su cui stamattina si registravano 11° e mi godo l’ asfalto appena rifatto che mi aiuta nella scalata della prima parte. Il traffico è fino sostenuto, in proporzione ben più del mio ritmo che non ha pretese se non quelle di godersi un ambiente man mano più ampio e straordinario al progressivo calare del sole. Il secondo pezzo è più ruvido ed aperto, trovo qualche brevissimo tratto brinato ma la vetta arriva senza patimenti.

S.Stefano 2015, nonché il mio onomastico, sono ai 1460m del monte Penice circondato da una moltitudine di persone come forse mai ho visto, il sole si sta quasi buttando dietro ai monti ad est ed attorno a me vedo di tutto, ma con una limpidezza che raramente ho potuto ammirare. Mi fermo a parlare con altri, là c’è il Cervino, mentre dietro innevato si vede il monte Bianco; il Monviso è quello, mentre se guardi ad est puoi vedere il monte Baldo e la Lessinia. Mezza catena alpina sotto i miei occhi, tutto mentre nuvole basse si stanno sciogliendo in val Trebbia e Staffora e mentre la pianura sta soffocando sotto una evidente cappa di smog. Ma c’è anche l’Appennino ed i suoi monti illuminati da una intensa luce arancione. Devo fermarmi assolutamente per delle foto e non sono di certo l’unico ad avere l’attrezzatura in mano, c’è anche chi ne possiede di professionali e sta usando il cavalletto per immortalare questo panorama da favola. Tra l’altro guardo uno di questi e mi pare una faccia familiare, ma non dico niente per evitare figuracce, sarà lui a scrivermi in seguito inviandomi una mia foto!

Però ora devo assolutamente scendere, fra mezz’ora farà buio e non ho nemmeno il tempo per allungare ed aggiungere del dislivello extra a questo che sarà nettamente il giro con l’indice di pendenza maggiore del 2015. Ripasso dal passo e mi lancio verso Varzi in attesa di reimmergermi nel clima nebbioso, ma mi concedo altre soste fotografiche a più bassa quota per memorizzare il contrasto tra nubi ed un sole che filtra tra le fronde della vegetazione dall’altra parte della valle, fino ad entrare nella maledetta umidità che fortunatamente svanisce poco dopo, lasciandomi nel grigio ma con una buona visibilità sino all’ arrivo a Varzi.

Ed anche questo inverno mi ha regalato un assolutamente inaspettato giro ad alta quota con visuali meravigliose ed indimenticabili. La serie del “magico autunno” 2015 termina qui, vi saluto lasciandovi in attesa di nuove foto, proposte ed avventure per questo 2016, ciao!

57km, 1735m

Tra Menconico e lo Scaparina, appena sopra lo strato di nebbia
penice_onomastico 002
Il santuario del monte Penice
penice_onomastico 004
Appennino al tramonto
penice_onomastico 005
Nebbia che risale la val Trebbia
penice_onomastico 008
Nebbia sulla valle Staffora
penice_onomastico 010
Le ultime luci sopra agli ultimi metri di libertà
penice_onomastico 015

La prima neve

il 01/02/2016 · Comments Off on La prima neve

22 novembre

Dopo il caldo giro al mare del pomeriggio non mi poteva sembrare vero di intravedere dei fiocchi di neve nella pioggia, eppure non mi sbagliavo, si è messo veramente a nevicare! E’ incredibile come un periodo caldo di cinque settimane stia terminando tra i fitti fiocchi bianchi! E’ durato poco però, in pianura è riuscito giusto a sporcare i vetri delle macchine, ma in altura pare ci sia stato un accumulo non trascurabile ed allora con la bici sotto il sedere punto verso la più alta collina dell’ Oltrepò: Oramala!

Riciclo l’abbigliamento del giorno precedente, che vuol dire pantaloncini corti in un clima finalmente degno del mese di novembre, con gambali che ben presto riciclo in copriscarpe lasciando i polpacci a sorbirsi il primo freddo relativo (ci sono pur sempre 10°!). Parto da casa e risalgo la valle Staffora sino alla salita di Vignola – Pizzocorno, con passaggi prossimi alle pareti verticali di S.Alberto che sono un po’ le “Dolomiti d’nuater“, con un ritmo spinto per vincere il record su Strava e con dei campi in cui il bianco della prima neve si alterna al verde dell’erba. Record fatto, nella seconda e più difficile parte rifiato per quanto possibile avanzando verso degli accumuli nevosi via via più consistenti che coprono interamente i bordi stradali e sporcano la vegetazione in formato ancora autunnale. Le strade sono abbastanza pulite, quei 5cm della notte si sono sciolti e la viabilità è normale, devo solo fare attenzione a qualche sporadico residuo spostato dal traffico.

Arrivo al bivio di Oramala/Poggio Ferrato a quota 800m scarsi, è fiabesco pensare a cosa abbia passato coi caldi fuoristagione che sono terminati così bianchi… Scendere dal versante nord si rivela però una pessima idea, le strade bagnate mi fanno temere il ghiaccio, il freddo si fa sentire sulle tibie scoperte ed in un tornante trovo pure tutta la neve pressata invadere la carreggiata, al punto di affrontarlo a piedi.
Brrr… il freddo sferza la pelle e penetra nelle fessure dei vestiti, per scaldarmi allungo per la salita di Trebbiano su cui la neve, anche complici le quote più basse, è giusto un contorso indefinito. Scendo poi e saluto la dama bianca sperando in un veloce arrivederci, mezzo infreddolito giungo a casa festeggiando nel migliore dei modi un mese di forti contrasti tra pianura e montagna, tra nebbie e panorami incredibili, con giri non duri in senso assoluto, ma comunque impegnativi e realmente soddisfacenti!

PS. Col senno del poi so che anche dicembre replicherà il clima caldo, a S.Stefano ci sarà un’ altra giornata breve ma entusiasmante di cui vi racconterò a breve

52km, 1045m

Vacche al pascolo a S.Alberto di Buttrio. Loro non sentono il freddo
prima_neve 003
La strada verso Oramala precocemente innevata
prima_neve 005
Neve compressa e scivolosa in un tornante. Meglio scendere a piedi
prima_neve 010
Il castello di Montesegale
prima_neve 015

Under Avventure | Taged , , ,
Giri e Salite su Facebook
Link utili
Categories