A piedi al monte Penice (con annessa caduta)

il 25/08/2017 · Comments Off on A piedi al monte Penice (con annessa caduta)

Un mese di agosto sfigato questo, prima un problema ad una rotula, poi un altro problema alla stessa rotula e quindi niente bici, solo passeggiate o corse talvolta sterrate e talvolta con bei dislivelli come questa qui.
Vista la tranquillità eccessiva in ufficio ho preso una mezza giornata di ferie per un bel trail in montagna. La mia montagna, non la roccia delle Alpi o la maestosità delle Dolomiti, ma pur sempre quote sino ai 1460m del Penice, vetta da cui partono i segnali televisivi di mezza Lombardia.
Siamo in tre, con me ci sono Federico un istruttore di trail e buon conoscitore della zona e Davide al suo primo trail con scarpe da strada.

Il percorso inizia facile da Menconico su vie battute, la salita si fa sentire ma non è mai cattiva ed arriviamo facilmente al primo ristoro idrico (fontana) di Carrobiolo, poi si cambia ed è solo grazie alla traccia che non ci perdiamo in strade agricole talvolta poco battute. Un lungo pezzo corribile ci porta al passo Scaparina alle pendici del monte, ora si inizia a fare sul serio con ripidi passaggi in un fitto bosco di conifere (un km al 20% per intenderci) fino a reimmetterci in un tratto ripido e tecnico che lo stesso Federico aveva proposto a scendere in una gara nel 2015. L’ambiente cambia all’improvviso, il bosco lascia spazio ai prati ed il santuario circondato dalle antenne RAI è proprio davanti verticale a noi che, da buoni cinghiali, saliamo dalla direttissima.

Si sale già da subito20170823_153228Ora nel fitto bosco della Scaparina
20170823_161551L’ultima rampa
20170823_163817

Il panorama è sempre bello, si vedono Bobbio (PC) col suo ponte gobbo sul Trebbia, Romagnese, Varzi, gli alti Appennini ed un pezzo di pianura sin dove la foschia permette allo sguardo di vagare. La salita è finita, vediamo un taglio a lato del santuario e mentre Davide mi chiede “te la senti?” io già mi lancio in un pezzo tecnico che ci permette di tagliare la strada asfaltata. Qui c’è da divertirsi tra rocce, erba e pendenze ripide, ed io mi esalto. Ritorniamo alle pendici del monte in maniera più agevole e poi, grazie ad alcuni suggerimenti di Fede, abbandoniamo il mio itineriario per giungere diretti a Varsaia alla terza fontana.

Antenne RAI e monte Alpe
20170823_164440Bobbio e la val Trebbia
20170823_164451Noi tre
20170823_164842

E ora giù di nuovo, siamo in un fitto bosco con alcune pendenze che precedono la discesa, quella vera, quella che ricorda le più pure Alpi: 20/25%, sassi, saltini, curve, io spavento tutti prendendo dei distacchi considerevoli ed arrivo ad una curva sconvolto, è il momento di maggiore affanno del giorno ed è in discesa. Ripartiamo, in un pezzo tecnico non so cosa succede esattamente ma il piede rimane incastrato ed io, già abbassato in avanti per evitare una pianta, cado di peso sulle braccia, un colpo secco che si ripercuote sulla lucidità. Per fortuna siamo quasi arrivati, mi pulisco ad una fontana ma oltre a diversi graffi ed ematomi ho anche due piccole ferite profonde che mi suggeriscono una visita al pronto-soccorso.
Varzi è un paesino che ha (fortunatamente ed almeno per ora) un piccolo ospedale, ma oggi è una giornata terribile e c’è fila per quei pochi medici presenti. Niente di grave, nemmeno un punto di sutura e solo dei cerotti adesivi, ma rimane la frustrazione per un periodo in cui sono pieno di acciacchi più o meno volontari.

In compenso il giro è stato bello, vario, panoramico, Davide se l’è cavata bene e siamo rimasti tutti contenti in questi 15,5km e 900m d+

Pezzo di contropendenza
20170823_171900Discesa ripida e tecnica
20170823_172353I danni della caduta
20170823_173548

L’amaro passaggio alla mountain-bike

il 14/08/2017 · Comments Off on L’amaro passaggio alla mountain-bike

L’arrivo di una nuova bici è solitamente un momento di gioia, ma questa volta ha il sapore agrodolce di un cambiamento imposto dalle circostanze sempre peggiori per pedalare. Era da un po’ che ci pensavo, da ben prima dell’incidente che mi ha coinvolto a metà aprile obbligandomi ad un mese di stop totale e che almeno, probabilmente grazie ad una muscolatura abbondante, non mi ha causato una frattura del femore ma solo un enorme ematoma interno che ancora oggi non si è riassorbito completamente.
Stavolta la bicicletta non è una stradale come accade dal 2002, ma una mountain-bike a doppia ammortizzazione e già attrezzata bene per essere un modello di base, praticamente pagata interamente dall’assicurazione di chi ha causato l’incidente (e sto aspettando ancora per l’indennizzo dei danni biologici). Si apre per me un nuovo mondo in cui sono rimasto arretrato di più di dieci anni, quando ancora le “full” erano dei prototipi ed i freni a disco erano qualcosa di futuribile, quando le ruote dovevano essere piccoline per aumentare il controllo e quando era tutto un mondo diverso in cui servivano cartine ed esplorazione, altro che caricare le tracce da Openstreetmap sul Garmin usando il telefono in caso di dubbi. Ora devo fare un bel salto e riaggiornarmi, ma pian piano conto di riuscirci e di superare il timore delle discese su un mezzo con cui sto prendendo confidenza.

20170808_105906

Dicevo che questo arrivo ha un sapore agrodolce, la gioia di un nuovo acquisto si scontra col fatto di voler rifiutare l’asfalto: troppo brutte ormai le strade, sta diventando una corsa ad ostacoli evitare buche e lavori in ogni dove, dover fino procedere contromano e non poter alzare gli occhi nemmeno per un istante in una provincia con le strade peggiori d’Italia. E poi il traffico motorizzato è sempre peggiore e non sono l’unico ad averlo notato, non si contano più i morti ammazzati né per colpa loro né per pura fatalità, sono tutti sempre più storditi e menefreghisti attaccati al cordone ombelicale delle minchiate su Facebook invece che guardare la strada usando un’arma in grado di fare una strage (s’intenda che anch’io guardo sin troppo le “minchiate” su Facebook, ma non quando rischio la mia o altrui incolumità).
Oltre a questo ci aggiungo la mancanza di stimoli, ormai ho girato ogni angolo del territorio e non mi dispiace avere qualche ora di ozio in più e dover mangiare qualcosa meno per un ridotto consumo calorico, non mi dispiace nemmeno ridurre il carico di fatica e dedicarmi meglio alla “corsa e salite” esplorando il territorio in maniera più ridotta ma più intensa.
Per cui mi scuso con i lettori di questo blog sia per i mesi senza aggiornamenti e sia per il cambiamento, ma per ora va così. In futuro non si può mai dire, mi mancano le sgroppate collinari e i lunghi viaggi dedicati a me stesso, ma non abbastanza per superare tutti gli altri problemi.

Ma intanto una cosa voglio ancora farla: sabato 14 ottobre ci sarà il 10° giro dei vigneti d’Oltrepò con merenda, segnatevelo!

Già dietro casa c’è da divertirsi
44
22
33

Under Pensieri
Link utili
Archives