Top 2010: posizioni 12-10

il 26/12/2010 · Comments Off on Top 2010: posizioni 12-10

12°
03/08) Monte Spineto

Anche questo è un giro di un intero pomeriggio di cui non ho scritto e non ho foto, fatto partendo da casa con lo scopo di scalare la salita di monte Spineto da Stazzano, tra Serravalle ed Arquata Scrivia, un santuario sul cucuzzolo del monte del quale non ho ancora trovato la via di accesso. Per arrivarci scalo la mia Montemarzino e Bastita da Garbagna, a Stazzano fatico a trovare la via, ma alla fine mi infilo in quella stradina nel bosco che giunge sino al piazzale, con una bella parte finale tra tornanti stretti e le fermate della via Crucis. Già che ci sono ne approfitto per scalare l’ altro versante e nel tornare a casa passo a Sant’ Agata Fossili da un lato che ancora non è nel mio elenco, sebbene sia abbastanza sicuro di averlo già scalato.
L’ occasione rende l’ uomo ladro, così che provo alcune deviazioni mai percorse alla ricerca di nuove salite, incamerandone 2 banali, poi a Castellania proseguo sulla strada scoprendo ulteriori 2 salite verso S. Andrea, brevi ma difficili. Questo su e giù è stato molto più fruttuoso del previsto, avendo esplorato alcune parti mancanti della bassa valle Scrivia.
In totale 111km e 1950m di dislivello

Perchè 12°? Sono partito con l’obbiettivo di aggiungere 3 nuove salite, sono tornato con 7, niente male come primo giorno di ferie!

Vista da Monte Spineto (foto di Walter Sabatini)

11°
26/09) Acqui Termiense

Proseguo l’ esplorazione dell’ alto Monferrato con un giro da Acqui Terme, sulla carta sarà il più lungo dell’ anno, ma la probabilità di sbagliare strada è alta, tanto da capitare già a metà della prima salita, quando manco il bivio e mi riallaccio a Morbello seguendo la stessa strada del giro di Acqui-Ovada di 2 settimane fa. Quando rientro sul percorso originario sbaglio ancora strada, scendendo ad Acqui Terme, ma riesco a risalire comunque a Montechiaro d’ Acqui mantenendo la costa lungo una splendida strada accerchiata da calanchi.
Scendendo da Pareto risbaglio strada, le mappe di Google sono poco affidabili facendomi perdere completamente, è solo grazie alle indicazioni di una signora nel suo cortile che riesco a ritrovarmi salendo di nuovo a Pareto. Scendo a Pontinvrea in un pezzo che originariamente avrei dovuto fare in salita. Non tutto il male vien per nuocere, dopo un falsopiano con vento contrario arrivo a Giovo ligure, una fugace occhiata mi regala una vista del mare che mai mi sarei aspettato, il blu del golfo di Savona riempie lo sfondo e mi riempie di gioia.
A Sassello mi fermo per gli amaretti, presi prima di salire al Bric Berton e di scendere a Ponzone. Non è ancora tardi, ho la possibilità di allungare ritornando a Morbello per la stessa strada della mattinata, scendendo a Grognardo e trovando con qualche difficoltà la strada che avrei dovuto fare ad inizio giornata, che scopro essere tutta ruvida con pendenze a doppia cifra, affrontate molto bene nonostante i 140km sulle gambe, così bene che un signore mi fa pure i complimenti!
Mi perdo ancora, ma ormai è finita, ritorno ad Acqui Terme e finisco questo giro con 11 nuove salite ed il record annuale di km.
In totale, 156km e 3150m di dislivello

http://giriesalite.altervista.org/?p=946

Perchè 11°? Le troppe volte che ho sbagliato strada penalizzano questo giro nemmeno troppo bello, ma alcuni tratti o viste sono state veramente appaganti, così come il record di km.

I calanchi prima di Pareto

Il mare da Giovo Ligure

10°
04/09) Aveto

E’ tanto che spero di andare in val d’Aveto, finalmente ci riesco in questo inizio Settembre. La partenza è a Ponte Organasco, dopo solo 1km si sale verso Cerignale tra boschi ed ottimi panorami sulla val Trebbia, su una strada che passa poi in val d’ Aveto seguendone il corso qualche centinaio di metri più in alto. La discesa inizia solo dopo numerosi km di saliscendo, finendo quasi a Rezzoaglio, dove mi immetto sulla provinciale dall’ asfalto ruvido tipico di questi luoghi. Salgo a Santo Stefano d’Aveto e decido di proseguire verso il Tomarlo, questo famoso passo Appenninico a quota 1482m. La salita è sempre abbordabile, ma pedalando mi viene una grande fame che mi limita, non è una crisi, è lo stomaco che brontola.
Nonostante il bisogno di cibo devio verso Rocca d’Aveto, circondato da rocce verticali non tanto diverse dalle più famose Dolomiti, aggiungendo 1km e mezzo di dura salita. Ritornato a Santo Stefano trovo l’ occasione ad un negozio, con 1€ riesco a prendere brioche e focaccia e a sfamarmi, prima di avventurarmi nella parte finale lungo la val d’ Aveto, scendendo da Torrio per sua fantastica stradina immersa nel bosco e ritornando nella valle principale di questa giornata.
La strada della val d’Aveto segue il corso del torrente, un venticello favorevole mi aiuta a superare questi interminabili km che mi portano a Corte Brugnatella, dove parte l’ ultima salitella verso la casa Cantoniera, l’ ultimo sforzo di un bel giro in cui ho avuto meno forze del previsto, con un salvifico cappuccino prima del rientro in auto.
In totale: 122km e 2700m di dislivello

Perchè 10°?
Le valli Trebbia ed Aveto, il Tomarlo, Cerignale, S.Stefano e Rocca d’ Aveto… Tutti posti bellissimi, come paesaggio meriterebbe un posto tra i primi 5, ma o per la stanchezza accusata in tutto il giro, o per le strade ruvide, o perchè la val d’Aveto mi ha un po’ deluso… Per questo è solo 10°

http://giriesalite.altervista.org/?p=827

Ponte Organasco, il paesino di partenza

Corte Brugnatella da Cerignale


Montagne verso Rocca d’Aveto


Link utili
Archives